A scuola… con meno stress! Pronti nuovi collegamenti per i ragazzi che vanno e tornano da Arezzo

(Immagine di repertorio)

Un ritorno a scuola con meno stress. Nuove corse mattutine per i pullman di collegamento con il treno per Arezzo a favore dei ragazzi che abitano nelle piccole località di Serravalle e Badia Prataglia, ma anche per i tanti ragazzi che partono da Soci diretti ad Arezzo per motivi di studio.

Questo il significativo risultato ottenuto grazie all’interessamento dei Sindaci di Bibbiena e Poppi, Bernardini e Toni e della stessa Ferroviaria nei confronti della Regione Toscana. Quest’ultima metterà a disposizione 6 mila euro per questo nuovo servizio, mentre i restanti 6 mila verranno divisi equamente da Bibbiena e Poppi.

Il pullman partirà da Badia Prataglia alle ore 6,38 e arriverà a Bibbiena Stazione alle pre 7,08 cos’ da consentire ai giovani studenti di prendere il treno delle 7,20 circa diretto ad Arezzo.

Un risultato importante per le tante famiglie che ne avevano fatto richiesta tramite i propri primi cittadini. In questo modo gli studenti non saranno costretti – come hanno fatto fino ad oggi – a partire alle 6.00 da Badia Prataglia, arrivando con un anticipo esagerato alla Stazione di Bibbiena.

“Una piccola grande cosa… sono stato felice di poter cooperare alla risoluzione di questo problema. In questo modo abbiamo certamente aiutato molti studenti e le loro famiglie che vivono in zone più decentrate. Tutto ciò che riusciamo a fare per loro, anche piccola, ha un significato che va ben al di là dell’utilità effettiva. Significa sostenere le persone nella loro scelta di vivere in montagna e così facendo, di difenderla. Lo spopolamento di certe zone rappresenta una problematica ha tinte fosche che si sta ripresentano in molte zone del Casentino. Come sindaci, dove è possibile, abbiamo il dovere di forzare certe situazioni per migliorare la vita di queste popolazioni fiere e orgogliose. Grazie alla Regione Toscane e a Ferroviaria per l’interessamento”, commenta il Sindaco Daniele Bernardini.

Comunicato stampa
Bibbiena, 8 luglio 2018