Bibbiena, “Concerto di primavera” a San Lorenzo

Assessora Francesca Nassini

A Bibbiena la Primavera si annuncia con la musica. Domenica 15 Aprile alle ore 16,30 presso la Chiesa di San Lorenzo. Per ricordare Elisabetta Santiccioli e il Maestro Enzo Catapano, l’Amministrazione comunale promuove come ogni anno il “Concerto di primavera” con: Marco Cherubini, sassofono, Arianna Gal e Camilla Gori violini, Marco Maggi:pianoforte, Adamo Rossi, violino. Ci sarà poi un Intermezzo nell’interpretazione di Laura Bigoni e Piera Biondi. Con il gentile contributo della Dottoressa Francesca Santiccioli Persegati, per i partecipanti al concerto l’ingresso al Museo Archeologico e alla Mostra “Casentino Scomparso” del Maestro Catapano sarà gratuito.

La mostra di Enzo Catapano, milanese di nascita, ma casentinese d’adozione, per volontà dell’amministrazione è stata da poco portata nel contesto del Museo Archeologico.

Come scriveva la critica Lisetta Fornasari nel 2005: “è stata realizzata una raffinata raccolta di quadri che abbinati al nucleo di Enzo Catapano offrono uno spaccato interessante di vari modi in cui viene “vissuto” e celebrato il Casentino. Partendo dal presupposto che il paesaggio toscano da più di due secoli dà concretezza all’ideale di paesaggio, e considerando quanto il Casentino abbia esaudito con le sue meraviglie le aspettative connesse al mito del paesaggio toscano, la mostra attualizza attraverso anche una pittura astratta o addirittura surrealista il fascino che la vallata ancora oggi esercita”. Il concerto offre un’opportunità di visita alla stessa mostra.

L’Assessore Francesca Nassini commenta: “Il concerto di primavera a Bibbiena è un momento quasi istituzionale, che segna un passaggio ma che vuole anche ricordarci quanto siano importanti per una terra le persone che in questa terra ci hanno investito in termini emozionali, interiori, ma anche come professionisti e artisti. Il Maestro Catapano e la moglie hanno rappresentato per Bibbiena tutto questo. Ringrazio i musicisti e tutti coloro che ogni anno si adoperano per far crescere questo momento di grande trasporto e di cultura”.