Bibbiena, importante scoperta nel sito archeologico del Domo

Il sito del Domo non finisce di stupire gli archeologi. Dal diario di scavo degli ultimi dieci giorni di lavoro, iniziato circa due settimane fa, emerge il ritrovamento di una nuova struttura muraria situata a Nord-Est delle Grandi Terme. Un nuovo ritrovamento meraviglioso che gli archeologi della società Archeodomani, il Direttore Scientifico del Museo Archeologico del Casentino e il Comune di Bibbiena vogliono far conoscere a tutta la popolazione.

Per questo GIOVEDì 9 AGOSTO verrà organizzato un evento divulgativo per grandi e piccoli. La partenza è prevista per le ore 16.00 dal Museo Archeologico di Bibbiena da dove è previsto lo spostamento a piedi verso il Domo. Alle 17, presso gli scavi, è previsto l’incontro con gli archeologi addetti allo scavo e lì, per i bambini, verrà attivato un laboratorio dal titolo “Piccoli archeologi in azione”, grazie al quale i più piccoli potranno simulare un vero scavo archeologico accanto e guidati dagli archeologi di Archeodomani.

Il rientro è previsto per le 19 dove, presso il Museo verrà organizzato un apericena. Per tutto è necessaria la prenotazione ai numeri 0575595486 oppure 3356244537.

Le Campagne estive di Ricerca Archeologica in Casentino realizzate da Archeodomani prendono il via nel 2007, quando il progetto ideato da Alfredo Guarino e Lorenzo Dell’Aquila e presentato al dott. Luca Fedeli, allora funzionario della Soprintendenza archeologica responsabile per il Casentino, viene per la prima volta approvato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali consentendo, nell’estate dello stesso anno, la realizzazione di un primo scavo archeologico nel Comune di Poppi, in località Vignano.

Dall’anno seguente la Campagna di Ricerca Archeologica prende in esame un sito dalle prospettive di ricerca chiaramente più interessanti, ossia quello di Domo, nel territorio del Comune di Bibbiena, nel cuore del Casentino, dove negli anni Ottanta era stato rinvenuto un eccezionale impianto termale romano. Gli scavi, arrivati quest’anno alla undicesima edizione, stanno fornendo informazioni interessantissime e hanno come obbiettivo principale, oltre alla basilare ricostruzione storica del sito e del contesto, quello del rinvenimento della più volte ipotizzata pars domestica della villa rustica, ossia gli ambienti dedicati alle abitazioni dei proprietari della fattoria.

Grazie alla disponibilità e collaborazione del Comune di Bibbiena e del Museo Archeologico del Casentino, dove sono esposti i reperti scavati a Domo negli anni Ottanta e immagazzinati quelli degli ultimi scavi, dal 2008 per 4 settimane tra Luglio ed Agosto lo scavo è animato dall’energia di studenti provenienti da tutto il mondo.