Calcit Casentino: Soci si prepara alla 24ª edizione del mercatino dei ragazzi

Artusio Bennati, Presidente del Calcit Casentino

Il prossimo 13 Maggio a Soci nella Piazza dell’orologio, a partire dalle 8 del mattino fino a sera, si svolgerà il Mercatino dei ragazzi del Calcit Casentino. La prima edizione di questo evento, che nel tempo, è riuscito a sostenere tanti progetti per la salute di tutti i casentinesi, si svolse a Stia nel lontano 1994.
Questa ventiquattresima edizione sociana, oltre che una festa della solidarietà e del felice sodalizio tra Calcit e scuole del territorio, avrà anche una missione particolare, ossia quella di dare man forte al nuovo progetto di ampliamento del centro oncologico dell’ospedale di Bibbiena.
Nel tempo l’impegno delle scuole, delle famiglie e dei ragazzi ha sostenuto progettualità importanti proprio grazie a questo strumento. È lo stesso Artusio Bennati Presidente del Calcit Casentino a ricordalo: “Il Calcit, anche grazie all’impegno di scuole e genitori, ha potuto realizzare con le proprie forze il nuovo centro oncologico del Casentino per un importo di 250 mila euro. Nel tempo l’elenco delle attrezzature che il Calcit Casentino ha donato all’ospedale è lunghissimo. Rammento per tutti l’ecografo portatile utilissimo al Pronto Soccorso e nelle auto mediche, le lampade scialitiche, il lettino pediatrico, il microscopio ad alta definizione. In questi 24 anni posso tranquillamente parlare di donazioni pari a miliardi delle vecchie lire”.
Il Presidente Bennati fa un appello accorato a tutto il Casentino: “Partecipate numerosi, è importante per la nostra comunità. Non si tratta solo di solidarietà, ma anche di sostenere progetti di salute per la nostra vallata”.
Il Sindaco Daniele Bernardini commenta: “Felici di poter ospitare il mercatino in questo 24 esimo compleanno. Quello che il Calcit sta facendo per tutti noi è davvero immenso, perché dentro alla donazione di strumentazione utili all’ospedale e quindi a tutti noi, c’è anche l’ipengo di tanti volontari, il cuore delle persone – mamme e maestre – che lavorano per questo obiettivo, insomma c’è una comunità che riafferma il suo ruolo proprio attraverso la cura del prossimo e il senso di responsabilità, una lezione di umanità immensa”.

Comunicato stampa
Bibbiena, 10 maggio 2018