Foto di copertina a cura di Aldo Luttini – Arezzo

Quando si parla dell’astronomia come scienza utile, molti storcono il naso.
Eppure basterebbe parlare del calendario per mostrare, al di là di ogni ragionevole dubbio, che questa è una disciplina profondamente radicata, e necessaria, al vivere umano. Chi di noi non possiede un’agenda dove annotare appuntamenti di lavoro oppure date importanti da ricordare quali compleanni di persone care, anniversari, eventi…
Ma nonostante questo chi di noi sa ad esempio che cosa è il giorno? E la settimana? Perché la settimana è composta da 7 giorni e non 10, 12 o 5? Come mai il mercoledì segue il martedì e precede il giovedì? Quale è l’origine del mese? Perché il mese di Agosto si chiama così? E qual è l’origine del periodo di tempo che noi chiamiamo anno? È ciò di cui si parlerà sabato 4 agosto, a partire dalle ore 21.15 al Planetario di Stia, per poi proseguire con l’osservazione del cielo estivo a occhio nudo e con i telescopi in dotazione alla struttura; cielo dominato in questo periodo dalla presenza dei pianeti Giove, Saturno e Marte.
Biglietto 5 euro, gratis per i ragazzi sotto i 7 anni di età. Per prenotazioni telefonare Centro Visite Badia Prataglia (0575-55947), sede Parco (0575-503029) oppure Coop. Oros (335-6244537).

Comunicato stampa
Pratovecchio Stia, 2 agosto 2018