Matteo Bini, da Poppi alla Serie A2 di basket! (fotogallery all’interno)

Matteo Bini, uno di noi
Il telefono può squillare in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, raramente capita di assistere a un vero e proprio “delirio di gioia”, era la gioia di una mamma che ha dovuto piegarsi al desiderio di un figlio, che a soli quindici anni ha fatto la scelta di lasciare la sua casa, la sua famiglia per rincorrere un sogno, quello del Basket.
Ebbene, Matteo Bini, giovane talento tutto casentinese, dopo tanta fatica è riuscito a coronare il suo sogno. Domenica dieci giugno la sua squadra B.P.C Virtus Cassino è riuscita ad entrare in seria A 2, vincendo contro la squadra avversaria, Cestistica San Severo per 78 a 75.
Sento Matteo per telefono e dopo essermi congratulata con lui cerco di strappargli qualche commento, ma avverto che è ancora avvolto dall’alone del non rendersi bene conto di ciò che è accaduto, la frase che più riesce a dire forte e chiara è: -Non mi sembra vero, forse sto sognando… sono felice, grazie Mari.
Ho la fortuna di conoscere bene questo ragazzone dal fisico atletico e forte, lo sguardo puro e convinto oggi più che mai che i suoi sforzi abbiano fatto centro, le rinunce, il cavarsela da solo, ormai da diversi anni, gli hanno dato finalmente regione.
Matteo Bini è figlio di tutti noi casentinesi, ha aggiunto lustro e orgoglio alla nostra vallata, dentro la sua maglia numero quattordici, ci ha condotti tutti quanti in serie A 2.
Grazie Matteo, siamo fieri di te!

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerribile incidente a Santa Mama. Donna di 90 anni perde la vita
Prossimo articoloLierna: la Festa delle bambine e dei bambini
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in frassino nel dicembre 1964. Oggi vive e lavora a Poppi con la sua famiglia, condivide un salone di parrucchieria col marito Claudio Barolo e ha due figli che ritiene i suoi “gioielli”, Lenny di 31 anni e Claudia di 13. La sua più grande passione è la scrittura, infatti Marina ha pubblicato 3 libri, due, di brevi storie che raccontano le problematiche di tutti i giorni, raccontate in maniera tale che possano dare un messaggio anche ai ragazzi più piccoli. I libri di novelle si intitolano: “le brevi novelle della Marina” e “L’uomo alla finestra”. A settembre di quest’anno ha pubblicato il suo primi romanzo dal titolo “occhi cattivi”, una storia che lancia un messaggio forte e purtroppo attuale, infatti il libro parla di abusi ai minori. Marina collabora da anni con Casentino più, un magazine locale Casentinese che l’ha aiutata ad allenare la sua scrittura, dal quale trae grande soddisfazione.