Un pensiero al giorno: “È Pasqua”

E’ Pasqua

Andavo da nonna ed era tutto perfetto,
Il sugo bolliva e “la spoglia” distesa nel letto!
L’arrosto profumava tutta la casa e ogni singola cosa ne veniva invasa.
La tavola bianca apparecchiata per tanti
e la “dedico mania” salutava i parenti.
Tutti eravamo vestiti di fiori e l’uno per l’altro, persino migliori.
Le uova benedette, le panine perfette, e quelle gialle ciambelle
che tenevamo nel collo per esser più belle!
La nonna ci dava le strisce di pasta, e già solo quello per noi era festa,
lei era felice di averci vicini, i suoi figli ormai grandi, coi loro piccini.
Il terrazzo era pieno di tante azalee, di ortensie e giacinti
che dai colori più belli eran stati dipinti.
Poi quando andavamo tutti seduti,
c’eran sempre due tavoli belli e imbanditi.
Era bello aspettare il via della nonna che prima pregava in silenzio per tutti,
abbracciando le mani ben strette fra loro
e chiedendo qualcosa al suo Dio tutto d’oro.
Poi, una volta finito faceva un cenno col capo e il bello veniva da lì a poco dopo.
Era bella la Pasqua in quella maniera, e finché avrò vita la terrò a me cara,
oggi cercheremo di fare del meglio,
ma mancano i figli e sembra uno sbaglio.
La tavola è pronta ma siam solo tre,
mentre il cuore è un po’ triste e si chiede perché.
Non ci resta che fare un respiro e ingoiare la rabbia
e godere di quello che questa Pasqua ci abbia,
ci abbia comunque tenuti in piedi e in salute,
e speriamo che alla prossima…
Si riuniscan le vite!

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce nel 1964 e “arranca” tutta la vita alla ricerca della serenità, quel qualcosa che le è stata preclusa molto spesso. La scrittura è per lei una sorta di “stanza” dove si rinchiude volentieri immergendosi in mondi sconosciuti e talvolta leggiadri. Lavora come parrucchiera a Poppi e gestisce il suo salone con una socia. E' madre di due figli che sono per lei il nettare della vita e scrive, scrive ormai da molti anni anche per un Magazine tutto casentinese che si chiama “Casentino Più”. È riuscita a diventare giornalista pubblicista grazie proprio al giornale per cui scrive e questo ha rappresentato per lei un grande traguardo. Al suo attivo ha ben sette libri che sono: “Le brevi novelle della Marina", “L’uomo alla finestra”, “Occhi cattivi”, “Respira la felicità”, “Un filo di perle”, “La sacralità del velo”, “Le mie guerriere, quel bastardo di tumore al seno”. Attualmente sta portando avanti ben due romanzi ed è felice! È sposata con Claudio, uomo dall’eterna pazienza.

Ultimi Articoli

Ultima settimana del Festival del Libro di Bibbiena: altri grandi autori e altri eventi

Un festival da record nelle prime due settimane: 1430 persone che hanno partecipato ai vari eventi, più di 500 libri venduti, 40 insegnanti del...

Da Badia Prataglia una storia d’amore di altri tempi

Ti chiamerò Flora Questa è una storia d’amore apparentemente al pari di una delle tante altre nate in tempo di guerra, che la guerra ha...

Carlo Toni a proposito di Poppi e turismo

«La Regione Toscana in base alla L.R. n. 86 - 2016/2018 - informazione e accoglienza turistica - ha stabilito che si costituissero gli A.T.O....