51° Giornata del donatore: tanta gente in piazza a Bibbiena

Eravamo tantissimi sabato 17 agosto in piazza Tarlati a Bibbiena. La giornata dedicata al donatore di sangue ha fatto il pieno e questa meravigliosa piazza è stata complice e testimone di uomini e donne di buona volontà.
Anche la cena si è contraddistinta, perché oltre a mangiare dell’ottima polenta e della carne condita benissimo, le lunghe tavole erano ricoperte da tovaglie di stoffa rossa, a voler tenere presente il motivo per cui tutti eravamo lì!
Non ci si rende mai troppo conto di quanti donatori ci siano nella nostra piccola grande realtà casentinese, ma se qualcuno, proprio come sabato ci raggruppa tutti insieme, diventiamo un fiume di gente, e già questo scalda il cuore.
A spiccare sul colore delle tovaglie c’erano coloro che hanno reso possibile tutto questo. I volontari nonché lavoratori, Indossavano una maglietta gialla ed erano in molti: uomini, donne e soprattutto ragazzi, ragazzi che già da prima di divenire adulti hanno avuto l’esempio e capito l’importanza di donare.
Essere seduta a quell’enorme tavola mi ha reso bene l’idea di quanta fierezza e fortuna si racchiude nel gesto di donare sangue, tutti insieme per uno scopo importante, essenziale.
La serata è sfociata pian piano in una divertente tombolata, come si usa fare nelle grandi famiglie, perché sostanzialmente è questo che ti propone l’associazione AVIS, il gusto di trovarti in una grande famiglia unita per un unico scopo, un unico valore.
Oltre al Presidente Paolo Bachini, che con grande semplicità e serietà da anni riesce a tenere intatta questa faticosa realtà insieme all’aiuto di tanti volontari, volontari che in questa serata bibbienese facevano spicco dentro le loro magliettine gialle!
Grazie ragazzi, a voi principalmente va il nostro plauso!

CONDIVIDI
Articolo precedenteAvis di B. Prataglia, un record di donazioni che supera le percentuali regionali
Prossimo articoloGiro del Casentino: Manuel Pesci si aggiudica la 103esima edizione della gara ciclistica
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre 1964. Oggi vive e lavora a Poppi con la sua famiglia, condivide un salone di parrucchieria col marito Claudio Barolo e ha due figli che ritiene i suoi “gioielli”, Lenny di 31 anni e Claudia di 13. La sua più grande passione è la scrittura, infatti Marina ha pubblicato 3 libri, due, di brevi storie che raccontano le problematiche di tutti i giorni, raccontate in maniera tale che possano dare un messaggio anche ai ragazzi più piccoli. I libri di novelle si intitolano: “Le brevi novelle della Marina” e “L’uomo alla finestra”. A settembre di quest’anno ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Occhi cattivi”, una storia che lancia un messaggio forte e purtroppo attuale, infatti il libro parla di abusi ai minori. Marina collabora da anni con Casentino Più, un magazine locale casentinese che l’ha aiutata ad allenare la sua scrittura, dal quale trae grande soddisfazione.