A Officine Capodarno un corso sul Regolamento Europeo “Due Diligence”

La sede di Officine Capodarno a Stia

Continua l’attività formativa di Officine Capodarno dedicata al settore agro – forestale. Dopo i due corsi autunnali rispettivamente dedicati alla gestione della sicurezza nei cantieri forestali e ai modelli silviculturali sostenibili, il progetto “Coltiviamo la montagna” di ANCI Toscana “ritorna” a Pratovecchio Stia con un nuovo percorso formativo dal titolo “Il prodotto legno, operare in legalità e sicurezza: dalla normativa forestale regionale all’applicazione del regolamento UE “Due Diligence” al Testo Unico sulla prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro”.
Il corso, erogato dall’Agenzia Formativa D.R.E.Am. Formazione e Consulenza (soggetto gestore di Officine Capodarno all’interno della RTI Laboratorio di Sviluppo) vedrà gratuitamente impegnati per 18 ore oltre una quindicina di “studenti” tra imprenditori del settore agricolo – forestale e dipendenti di pubbliche amministrazioni della Toscana. Il tema di principale interesse trattato dai dottori forestali Claudio Ottaviani, Maria Rita Gallozzi Fiamma Rocchi sarà appunto il Regolamento Europeo “sulla dovuta diligenza” che stabilisce a livello comunitario gli obblighi per i soggetti che introducono e/o commercializzano legno e prodotti da esso derivati sul mercato europeo.
La prima lezione di sei ore si terrà lunedì 2 dicembre dalle ore 9,30 – 12,30 e 14,30 – 17,30. Seguiranno i restanti due appuntamenti con gli stessi orari di sabato 7 e lunedì 16 dicembre. Al termine del corso, previa somministrazione di un test e partecipazione al 75% delle lezioni, sarà rilasciato attestato di ANCI.
Tutte le informazioni su requisiti dei partecipanti, programma e iscrizione sono disponibili sul sito di Officine Capodarno all’indirizzo www.officinecapodarno.it.