Movimentato episodio nella tarda serata di lunedì scorso a Bibbiena, dove i militari dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia sono intervenuti, a seguito di richiesta al numero di emergenza “112”, in quanto in via Umbro Casentinese, nei pressi di un locale pubblico era stato segnalata l’aggressione da parte di due soggetti nei confronti di un cittadino extra comunitario di 57 anni. Giunti sul posto i militari constatavano per l’appunto come fosse in atto una furibonda lite che vedeva avere la peggio un soggetto di nazionalità senegalese che, per futili motivi era stato aggredito con schiaffi, pugni al volto e con calci al basso ventre da parte di due soggetti di origine siciliana identificati in P.D. di 32 anni e F.G. di anni 37. Questi ultimi, anche alla vista dei Carabinieri che erano intervenuti non desistevano dal percuotere lo straniero e solo grazie all’intervento di una seconda pattuglia veniva riportata la calma.
Nelle concitate fasi della lite i due giovani, opponevano resistenza ai due militari intervenuti che dovevano ricorrere alle cure mediche per le, per fortuna, lievi lesioni riportate. Il cittadino senegalese veniva trasportato presso l’ospedale di Arezzo e dimesso con 10 giorni di prognosi per le contusioni multiple riportate.
I due giovani italiani residenti in Casentino, sono stati accompagnati in caserma e ristretti nelle camere di sicurezza in quanto tratti in arresto per i reati di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e per le lesioni causate al senegalese; la mattinata successiva, presentati al Tribunale di Arezzo per sostenere il rito direttissimo, sono stati entrambi sottoposti alla misura dell’obbligo di firma

Comunicato stampa
Comando provinciale carabinieri di Arezzo
Arezzo, 8 agosto 2019