“Aiuto compiti”: si conclude con successo il progetto attivato dal comune di Poppi

E’ senza dubbio stata un’esperienza partecipata e apprezzata quella che ha visto impegnati l’amministrazione comunale di Poppi e la cooperativa Progetto 5 che ha messo a disposizione educatrici e volontarie. Il progetto “Aiuto compiti” è stato attivato grazie alle donazioni del 5 per mille che insieme ad altri fondi comunali hanno permesso ai bambini e alle bambine della scuola primaria, individuati dalle insegnanti, di essere supportati nello svolgimento dei compiti pomeridiani. 
Il servizio educativo, si è svolto gratuitamente due volte a settimana, il lunedì e il venerdì pomeriggio dalle 15 alle 16,30, presso il Circolo Kontagio di Ponte a Poppi.

“C’è stata un’ottima risposta e la volontà dell’amministrazione comunale è quella di portare avanti il servizio anche il prossimo anno – ha dichiarato l’assessore alla scuola Giovanna Tizzi – i bambini hanno partecipato con entusiasmo raggiungendo buoni risultati, si è creato un clima sereno e di socialità dove le volontarie e l’educatrice hanno potuto accompagnare gli alunni nel loro percorso scolastico e di crescita. Un ringraziamento al gruppo delle volontarie che affianca la cooperativa nello svolgimento delle attività, al Circolo Kontagio, sede delle lezioni, per la disponibilità dimostrata, alla scuola per la collaborazione e continuità e alle famiglie che hanno aderito al servizio”.

 “Il progetto è stato per gli insegnanti della scuola primaria di Poppi molto positivo, in quanto ha sostenuto quei bambini che altrimenti non avrebbero trovato un aiuto nello svolgimento dei compiti pomeridiani e ha consentito loro di avere un ambiente educativo in cui giocare, socializzare e imparare – ha dichiarato la fiduciaria della scuola primaria Antonella Ceccarelli – sono stati accolti e supportati da educatori e volontari qualificati che si sono presi cura di ognuno di loro, con attenzione e impegno. I momenti di confronto con gli insegnanti sono stati molto proficui: la collaborazione e lo scambio hanno permesso di ottimizzare gli interventi e là dove possibile, personalizzare la didattica”.

“L’esperienza che si è conclusa si è dimostrata una risorsa importante, sia per cercare di fortificare le basi scolastiche, facilitando le attività con dei giochi, sia per la socialità, tra coetanei e con le volontarie, a cui i bambini si sono molto affezionati. In questo contesto è venuto fuori anche uno spirito di solidarietà” ha commentato una delle educatrici, Silvia Vadi.
 
I messaggi lasciati dai bambini che hanno partecipato al progetto:
 
“Mi è piaciuto venire a fare i compiti e a giocare con gli amici, a fare gli scherzetti. Mi dispiace un po’ che sia finito”.
“A me piace venire qui perché ci sono i miei amici, posso giocare nel parco e finire i compiti”.
“Era una bella scuola”.
“Mi piace venire perché si può giocare”.
“Mi piace che le maestre ci aiutano a fare i compiti e giocare con gli amici”.
“Mi piace perché le maestre ci aiutano”.

Ultimi Articoli

Pratovecchio, “Buono, pulito e giusto”: verso nuove alleanze?

Le realtà del Casentino si avviano verso un nuovo modo di collaborazione che unifichi le progettualità allo scopo di creare sempre più sinergie all’interno...

Un nuovo percorso al Museo Archeologico del Casentino

Domenica 3 luglio alle ore 17 si inaugurerà a Bibbiena un percorso culturale di grande valore per il Museo Archeologico del Casentino. Si tratta...

Imagine Camp, il campo da basket di Santa Maria inaugurato tra emozione e progetti futuri

Domenica 26 giugno è stato inaugurato l’Immagine Camp di Santa Maria, l’undicesima area dedicata ai giovani. Grazie all’interessamento del Rotary Club Casentino l’intera area è...