Al via la campagna vaccinale, grazie ai volontari addetti al check point della Casa della Salute

Il dott. Marcello Grifagni

Cogliendo l’occasione per rammentare l’inizio della campagna vaccinale, il dottor Marcello Grifagni – medico di Medicina generale di Castel San Niccolò, Ortignano Raggiolo e Poppi, nonché coordinatore clinico della Casa della Salute di Poppi – ribadisce l’importanza dell’aiuto prestato dalla Misericordia di Poppi e dai Carabinieri in pensione: «Dopo le vacanze estive, con l’innalzamento dei casi di Covid-19, abbiamo realizzato un check point all’ingresso della Casa della Salute di Poppi, in particolare la mattina nelle ore di maggior afflusso, quando infermieri e impiegati sono impegnati in altre mansioni. Ad occuparsi di misurare la temperatura delle persone, di favorire l’igienizzazione delle mani e regolare gli ingressi per evitare assembramenti sono i volontari della Misericordia di Poppi e la sezione di Poppi dell’Associazione nazionale Carabinieri in congedo, rispettivamente il lunedì e venerdì i primi, il martedì e giovedì i secondi. È infatti indispensabile regolare l’afflusso degli utenti negli ambulatori, così da prevenire cluster di infezioni, soprattutto da quando inizierà la campagna vaccinale, prevista da mercoledì 14 ottobre».

Nella Casa della Salute di Poppi è stato deciso di utilizzare due canali di erogazione del vaccino: la vaccinazione fatta su appuntamento dagli infermieri o direttamente dal medico via via che i pazienti si presentano per le visite. «Dobbiamo ancora decidere il calendario degli appuntamenti, ma sarà pronto dalla prossima settimana – spiega il dott. Grifagni – e ci saranno sedute anche il sabato mattina. Da lunedì prossimo gli utenti potranno iniziare a prendere gli appuntamenti, ma sarà data precedenza ad alcune categorie a rischio come le donne in gravidanza o nel postpartum,  persone con patologie ad alto rischio di complicanze e loro congiunti, ultra-65enni, lavoratori socialmente utili, allevatori, donatori di sangue, ecc. L’anno scorso da noi si è vaccinato oltre il 70% degli ultra-65enni, mentre in altre zone non ha superato il 50%, per questo siamo ottimisti sul buon esito della campagna».

La Casa della Salute di Poppi lavora quindi a pieno regime e «perfino durante il lockdown – precisa Grifagni – ha sempre risposto alle richieste dei cittadini, interrompendo fino a metà maggio solo la medicina di iniziativa che garantisce assistenza ai pazienti con patologie croniche (bronchite cronica ostruttiva, diabete, ictus e scompenso cardiaco) che vengono invitati periodicamente a controllare il loro stato di salute, raccogliendone i parametri clinici e facendo loro esami strumentali come l’elettrocardiogramma e la spirometria».

 

 

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Voci dal Casentino”: Claudio Barolo ci racconta la sua convivenza (e la guarigione) con il Covid-19
Prossimo articolo03/10, Coronavirus Toscana: 197 nuovi positivi, 40 anni l’età media; un decesso
Valentina Giovannini
Nata nel 1981 a Bibbiena, dove ha vissuto fino al 2012, prima di andare a vivere con il marito nella campagna casentinese, nel Comune di Castel Focognano. Nel 2015 è nata sua figlia Dalia. Dal 2007 è iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti - elenco pubblicisti. Dal 2004 al 2008 ha collaborato con il mensile Casentino 2000, dal 2008 al 2012 è stata la corrispondente del Corriere di Arezzo per Bibbiena ed i Comuni del centro e basso Casentino. Collabora con Casentino Più dal 2014. E' anche addetta stampa del Gruppo Sabandieratori e Musici Città di Bibbiena, del Carnevale Storico di Bibbiena e dell'associazione "Mauro Grifoni Forever" del Corsalone (Chiusi della Verna). Nel 2009 si laurea in Studi linguistici e culturali (inglese, spagnolo e francese) presso l'Università di Siena. Per l'a.a. 2004/2005 vince una borsa di studio del MIUR e lavora come assistente di lingua italiana a Madrid. Nel 2006, a cavallo tra la laurea triennale e la magistrale, segue un Master in traduzione tecnico-scientifica a Torino, poi nel 2010 un Master in Comunicazione Pubblica e Politica presso l'Università di Pisa. Dal 2006 al 2008 lavora prima nell'ufficio commerciale import-export di Tacconi Sport, poi nell'amministrazione di CEG, finché nel 2008 entra nell'amministrazione provinciale di Arezzo tramite concorso. Dal Servizio Finanze e Bilancio passa al Servizio Promozione, con mansioni legate alla valorizzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio e delle fattorie didattiche, nonché relativa organizzazione di eventi e comunicazione. In tale periodo è tra i redattori del mensile della Provincia di Arezzo e del portale arezzo.intoscana.it. Passa nel 2013 al Servizio che si occupa delle aree protette della provincia di Arezzo e nel 2016, a seguito del trasferimento di funzioni alla Regione Toscana, al Settore Tutela della Natura e del Mare della stessa, per il quale è referente della comunicazione e relativo redattore diffuso del sito istituzionale.