“Alberto, il Cavaliere che rimò la Giostra”, un libro di Alessandro Boncompagni e Alessandro Bindi

“Alberto, il Cavaliere che rimò la Giostra” è il libro scritto da Alessandro Bindi e Alessandro Boncompagni, due appassionati di storia che con la loro opera hanno restituito alla città un volume storico sulla Giostra del Saracino: “Città di Arezzo. La Giostra del Saracino” edito nel 1936 da Alberto Cavaliere e illustrato da Ugo De Vargas Macciucca. “Il volume – raccontano gli autori – svela un personaggio di fama nazionale, qual è Alberto Cavaliere. Uno scrittore, poeta e politico italiano che ha rimato la Giostra del Saracino e che con il suo affascinante e curioso poemetto eroicomico ha lasciato un’importante traccia in città”. E aggiungono: “Il volume, a distanza di 80 anni rappresenta una interessante opera di gran valore culturale ricercatissimo da chi ama la Giostra del Saracino e la storia della città. Intendiamo riscoprire antiche pagine per promuovere un dibattito intellettuale intorno alla storica manifestazione. Crediamo che sia importante trasmettere alle future generazioni documenti che possano contribuire a valorizzare la manifestazione senza che finiscano per essere dispersi”. Il libro di Bindi e Boncompagni è stato presentato il 5 giugno scorso nella sala della Lupa della Camera dei Deputati in piazza Montecitorio suscitando interesse e grande soddisfazione da parte degli autori che hanno potuto rappresentare Arezzo e la Giostra fuori dalle mura cittadine. Ad Arezzo, invece, grande successo di pubblico per la presentazione ufficiale tenutasi l’8 giugno alla Casa dell’Energia di via Leone Leoni. Bagno di folla per i due autori con centinaia di persone intervenute che, grazie a questo, hanno donato al Calcit 1.306 euro per sostenere il progetto Scudo riservato alle cure domiciliari dei malati oncologici. Nell’occasione, il libro è stato presentato dal sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, dal professor Camillo Brezzi, dal vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini e dal presidente del Calcit Giancarlo Sassoli. Una pubblicazione patrocinata dalla Regione Toscana, dal Comune di Arezzo, dal Centro Artistico Alik Cavaliere, dall’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra e resa possibile grazie ad Atam, a Confesercenti, all’Associazione Macellai di Confcommercio, a Coldiretti, a Nuova Banca Etruria oggi Ubi Banca, alle aziende aretine Albachiara, Magif, a M2Marmi, alla Lp Computer, a Borghini srl, a Enegan, a Poggiolini Pasta Fresca, a Ottica Franchini, al Team For Fun, all’Agenzia di Guido Monaco delle Assicurazioni Generali e alla Coris Tech. Il libro sarà anche presentato il 5 agosto prossimo durante la finale del Premio Letterario RidiCasentino a Ortignano Raggiolo.

3

3

Gli autori con l’On. Donati

3

Ultimi Articoli

L’Ambito Turistico Casentino non si ferma: living lab con gli operatori

Dopo la progettazione per la partecipazione al bando regionale riprende l’attività con gli operatori, appuntamento con il Living Lab, strategie di ambito condivise, per...

Dall’Erasmus Plus alle panchine rosse contro la violenza sulle donne

Comune di Bibbiena, Istituto Comprensivo Dovizi, Lions Club e Rotary Club insieme per un progetto sul futuro Questa mattina alla presenza dell’Assessore alla Pubblica...

Alleanza Verdi Sinistra – Arezzo: “Contrari alla stazione alta velocità Medioetruria”

«Stazione “Medioetruria”, a chi serve un’altra stazione decentrata e collegata con treni lenti ad Arezzo, Siena e Perugia?» «Le richieste di costruire una nuova stazione...