Anno Doviziano 2020: i preparativi di Bibbiena

Francesca Nassini, Assessora - Bibbiena

Bibbiena muove i primi passi per organizzare un grande calendario di eventi che possano celebrare il più illustre cittadino della storia bibbienese – il Cardinal Dovizi o Cardinal Bibbiena –  a 500 anni dalla sua morte.

 Ad annunciarlo è l’Assessora Francesca Nassini che commenta: “Il Cardinal Bibbiena sarà il perno intorno al quale far ruotare tutte le iniziative culturali organizzate nel Comune di Bib- biena, nel periodo compreso fra la primavera e l’inverno del 2020. L’idea è quella di definire una base di iniziative strettamente scientifiche, come un ciclo conferenze e una mostra con pubblicazione, che possano supportare progetti a carattere divulgativo ed educativo quali un’esposizione di capolavori casentinesi restaurati e un video-documentario. Infine, per dare continuità alle celebrazioni, è previsto che tutte le manifestazioni culturali in programma per il 2020 all’interno del Comune di Bibbiena, vengano riunite all’interno del palinsesto dell’Anno Doviziano”.

Insomma nel 2020 tutte le manifestazioni a carattere cultura del territorio dovranno rapportarsi con le celebrazioni.
Francesca Nassini continua: “A questo scopo sono state invitate tutte le associazioni iscritte al nostro albo per illustrare il progetto e valutare di realizzare un calendario condiviso sotto il palinsesto dell’anno doviziano. Dalla riunione vorremo uscire con la costituzione di un comitato promotore. Il Comitato Organizzatore invece è stato già definito e vede, oltre alla mia partecipazione, quella di Michel Scipioni storico dell’arte,  Samuela Ristori architetto comunale, i giovani studiosi dell’arte, guide turistiche, ex professoresse e professori e appassionati di arte e storia in generale. Alla fine del 2019 si prevede di costituire anche il comitato scientifico e di riuscire a trovare degli sponsor importanti che vogliano mettere la propria impronta in un progetto di cosi ampia importanza culturale”.
Un po’ di storia.  Bernardo Dovizi, nato a Bibbiena il 4 Agosto del 1470 da ser Francesco Dovizi  seguì, come segretario, il cardinale Giovanni de’ Medici (figlio del Magnifico) il quale salito al soglio pontificio, col nome di Leone X, l’11 marzo del 1513, lo nominò Cardinale. Uomo dalla personalità complessa e versatile, il Dovizi fu una figura di grande spicco nell’ambito della politica leonina e partecipò agli avvenimenti principali della vita culturale italiana tra gli ultimi anni del XV e l’inizio del XVI secolo.

Comunicato  stampa