ASD Pratovecchio Stia, intervista a Mister Fabrizio Innocenti ai tempi del coronavirus

Di Francesco Ceccarelli – ufficio stampa – segretario Asd Pratovecchio stia

Fabrizio, cosa l’ha spinto ad accettare l’offerta del Pratovecchio a campionato in corso?

Il Pratovecchio è una società dove ho trascorso anni bellissimi. Inoltre è una società tra le più organizzate ed ambiziose della nostra provincia, per questi motivi ho deciso subito di accettare la guida tecnica della squadra.

Quali prospettive, nel caso di ripresa del campionato, vede per questa squadra?

La squadra è buona e ha dei buoni valori tecnici, sia nei giovani che nei più esperti. Mi aspetto una bella risposta non appena la squadra avrà recuperato serenità e magari qualche elemento fermo per infortunio che potrebbe garantire maggiore equilibrio e spessore tecnico.

Se eventualmente ripartisse il campionato come pensa di gestire la ripartenza?

L’eventuale ripresa del campionato è una grossa incognita per tutti. Credo che cercherò di gestire la situazione in base a come troverò i nostri ragazzi e in base anche ai tempi e i ritmi dei calendari che ci darà la federazione.

Che consiglio darebbe ai ragazzi per mantenere un livello decente di forma fisica?

In questo momento il solo modo di tenere una buona condizione atletica è dare un programma che i giocatori possano svolgere da soli a casa. Chiaramente a questo tipo di lavoro sono legate una serie di problematiche che al momento è difficile prevedere o calcolare. Sono sicuro che i nostri tesserati saranno molto professionale nel svolgere il programma loro assegnato, ma resta comunque un grosso punto interrogativo su quanto sia efficace questo tipo di lavoro.

E speriamo davvero che il campionato riprenda, non tanto per il gioco del calcio in sé, quanto perché vorrebbe dire che l’emergenza sanitaria è passata e questo maledetto coronavirus l’abbiamo sconfitto. Per ora, per far sì che questo accada, restiamo a casa il più possibile come fanno i giocatori del Pratovecchio e speriamo bene.