Badia Prataglia: “Una scuola nel cuore del Parco… e anche nel mio”

Riceviamo, e pubblichiamo, la lettera che ci ha mandato un’appassionata professoressa che insegna a Badia Prataglia: Federica Cenni

“Io non faccio l’insegnante. Io sono un’insegnante. Sono la Proffy. O La Cenni, dipende dalle classi. Insegnare è la mia vita, la mia passione, il senso del mio andare. E non sono mai stata così felice e realizzata come qui, a Badia Prataglia, alla scuola Secondaria. Solo chi c’è stato può capire… da fuori, è una monoclasse arroccata sul crinale, tanta strada da fare, la neve in inverno… da dentro, è la scuola dei sorrisi, dell’allegria, della voglia di imparare, e di farlo insieme.
I ragazzi affettuosi, rispettosi, motivati e ironici. I genitori collaborativi e disponibili, mai invadenti o iperprotettivi. I colleghi, che per venire qui o sono Badiani, o sono un po’ matti, come me. Le bidelle che ti accolgono come uno di casa, ogni mattina. La vita è bella, da quassù tutto sembra migliore.
Lavoriamo tanto, perché gestire la didattica in pluriclasse e in monoclasse richiede una programmazione accurata, e molta fatica, ma facciamo tante cose belle, grazie ai progetti finanziati soprattutto dal Parco Nazionale, a un approccio innovativo e laboratoriale e alla collaborazione di esperti qualificati. I nostri ragazzi escono ben preparati e con un’attitudine positiva allo studio e alla scuola. Perché un ambiente di apprendimento sereno e positivo, inclusivo e accogliente, è fondamentale.
La scuola, a Badia Prataglia, è fisicamente al centro del paese e della comunità, ma lo è anche perché tutti si spendono con amore e generosità per ogni nostra necessità, dai genitori alla Pro-Loco. Ci vogliono bene. Ed è bellissimo.
Se è vero che la casa è il posto dove è il cuore… dico sempre che io, a Badia, mi sento a casa.” https://www.facebook.com/SecondariaBadia/