Bibbiena, bilancio di previsione 2019: l’ultimo del mandato Bernardini

La Giunta di Bibbiena al lavoro

Approvato ieri nella seduta del Consiglio Comunale di Bibbiena il Bilancio di Previsione 2019, l’ultimo mandato del Sindaco Daniele Bernardini che commenta:

“E’ stato l’ultimo bilancio di Previsione, un bilancio di previsione che prevede il mantenimento di tutti i servizi in essere senza alcun aumento delle tariffe e della pressione fiscale che ricordo essere la più bassa del Casentino e di molto sotto la media della Toscana. E’ con grande orgoglio che posso dire di aver fatto tante opere in questi anni e, nello stesso tempo, di aver ridotto al minimo l’indebitamento del Comune, avendo in questi anni ripianato la gran parte dei Mutui accesi in passato.
Tutto questo grazie ad un gruppo di persone di grande qualità, spessore morale e professionale, serietà e compattezza.
Mi auguro che questa squadra, forte dell’esperienza acquisita, possa continuare in futuro il lavoro intrapreso che è stato tanto, lasciando un’eredità importante al territorio”.

Filippo Vagnoli Assessore al Bilancio commenta: “Mi sento onorato di aver avuto la possibilità di gestire questa delega per cinque anni, un compito faticoso in tempi di piena crisi.Nonostante questo siamo sempre riusciti a presentare dei Bilanci sani, in grado di offrire tanti e ottimi servizi oltre che ingenti investimenti, mantenendo la pressione fiscale più bassa del Casentino”.

I risultati raggiunti negli ultimi cinque anni: Oltre 1 milione di euro destinato al Sociale; 2 milioni di euro all’anno di investimenti in opere pubbliche; tasse più basse del Casentino e tra le più basse in Toscana ; premiati dal Ministero delle Finanze come Comune tra i primi in Italia per velocità dei Pagamenti alle imprese,dimezzato il debito del Comune.

E’ prevista una serie di opere già finanziate che partiranno entro quest’anno, alcuni esempi importanti: la nuova scuola materna di Soci; palestra e nuove aule Scuola Elementare di Bibbiena; recupero di San Lorenzo; accesso ai paesi di Serravalle e Marciano per un totale di 4 milioni e 200 mila euro.