Bibbiena, Centro Trasfusionale: donare fa buon sangue…

A donare…
Ho pochissime battute per poter imprimere nei cuori di chi legge come ci si sente a donare. Soprattutto, ci tengo a dire che non basterebbe un intero libro per raccontare le sensazioni, le emozioni…
Se hai la salute, il tempo e il cuore di donare, la situazione che incontri al Centro Sezione Trasfusionale di Bibbiena è la seguente: quando arrivi, entri in un ambiente davvero gradevole, dove ti fanno accomodare nella sala di attesa, e immediatamente avverti una sorta di elettricità positiva, che ti viene trasmessa dallo sguardo di altri donatori, uomini e donne che, come ho già detto, hanno la fortuna di poter donare il sangue.
Guardi quella gente e vieni guardata a tua volta con stima e ammirazione infinite, perché tutti sono consapevoli del fatto che il motivo per cui siamo lì è infinitamente nobile!
Alcuni minuti appena e ti invitano ad entrare, accompagnando il gesto con un sorriso. E finalmente avviene. Stai comodamente semi-sdraiato su un lettino e ti nutri del pulito e del profumo della saletta dove avvengono i prelievi. L’odore che ti arriva alle narici è un misto di disinfettante e accoglienza.
Al centro trasfusionale di Bibbiena vieni accolto da personale assolutamente qualificato, che lavora quotidianamente senza avvertire la pesantezza, a contatto con persone che donano un pochino di sé. La dottoressa Silvia Sereni, medico responsabile della sezione trasfusionale di Bibbiena, lavora al centro dal 1993 ed è proprio lei a raccontarmi qual è il bello del suo lavoro:
– È proprio la consapevolezza della tanta voglia di donare che si rinnova in continuazione, alla quale i giovani danno una grande risposta, che ci fa stare bene!
La sezione del centro trasfusionale di Bibbiena vanta un personale qualificato, che giorno dopo giorno accoglie e accompagna nel migliore dei modi la tua voglia di donare con grande professionalità e gentilezza.
Vorrei ringraziare queste donne, che ogni volta mi fanno sentire a casa.
Silvia Sereni: medico responsabile
Manola Bonolis: medico
Michela Ringressi: infermiera professionale
Silvia Ciampelli: infermiera professionale
Silvia Loddi: tecnico di laboratorio

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

L’Ambito Turistico Casentino non si ferma: living lab con gli operatori

Dopo la progettazione per la partecipazione al bando regionale riprende l’attività con gli operatori, appuntamento con il Living Lab, strategie di ambito condivise, per...

Dall’Erasmus Plus alle panchine rosse contro la violenza sulle donne

Comune di Bibbiena, Istituto Comprensivo Dovizi, Lions Club e Rotary Club insieme per un progetto sul futuro Questa mattina alla presenza dell’Assessore alla Pubblica...

Alleanza Verdi Sinistra – Arezzo: “Contrari alla stazione alta velocità Medioetruria”

«Stazione “Medioetruria”, a chi serve un’altra stazione decentrata e collegata con treni lenti ad Arezzo, Siena e Perugia?» «Le richieste di costruire una nuova stazione...