Domani sera (21 giugno 2019, ndr) si terrà un Consiglio comunale convocato d’urgenza per rispettare i termini imposti dalla Regione Toscana sul fronte dei finanziamenti ottenuti per l’efficientamento energetico della Scuola Media di Bibbiena e della Piscina comunale.

Si tratta, in sostanza, di avere coperture finanziarie definite per passare ai progetti esecutivi e quindi all’inizio dei lavori già dal 2020 richieste nell’immediato, pena la perdita del finanziamento, dalla Regione.

Per la Scuola Media è stato ottenuto un finanziamento di 1 milione e 10 mila euro e per la piscina un finanziamento di 325 mila euro.

Un finanziamento aggiuntivo sul progetto esecutivo di entrambi gli interventi, sarà erogato anche dal GSE che è un organo statale per i contributi legati all’efficientamento energetico, ma che al momento e per motivi burocratici non riesce a erogarli subito.

L’Assessore Matteo Caporali commenta: “Al Consiglio comunale verrà portata appunto la pratica relativa al mutuo che dovrà essere richiesto per il co-finanziamento necessario per attivare tutto l’iter burocratico. Una volta che il GSE avrà a disposizione i fondi, ovviamente il mutuo verrà abbattuto e l’amministrazione potrà procedere con i lavori che contiamo di poter far iniziare già dal 2020. La questione è importante perché ci consente di lasciare alla comunità due immobili completamente autosufficienti a livello energetico e che nel tempo significano risparmio notevole di risorse, bollette più leggere e quindi casse comunali più sane”.

Rammentiamo che il comune aveva richiesto i finanziamenti per ben cinque progetti di cui due – quelli appunto della scuola e della piscina – che sono rientrati a pieno titolo tra quelli finanziabili.
Caporali commenta: “Si tratta di due edifici strategici per quanto riguarda l’energia, perché sono grandi e perché assorbono risorse importanti. L’aver guardato in avanti e aver investito sulla progettazione, anche in questo caso, porta Bibbiena ad avere accesso a fondi importanti e a poter attivare economie sul territorio oltre che a lasciare ai posteri strutture sicure ed efficienti”.

Comunicato stampa
Comune di Bibbiena
Bibbiena, 20 giugno 2019