Borghi più belli d’Italia, Poppi e Raggiolo all’assemblea nazionale

 
A Castellabate, nello splendido Cilento, il 15, 16 e 17 aprile, il borgo di Poppi e quello di Raggiolo erano presenti a rappresentare il Casentino all’assemblea nazionale del club dei Borghi più belli d’Italia, un sodalizio che oggi conta circa 250 comuni associati e nel quale il Comune di Poppi è entrato fin dal 2002, fra i soci fondatori (Ortignano Raggiolo ne fa parte da quasi un anno).
Il primo risultato tangibile di questa presenza è stata la conferma che sulla rivista “Borghi Magazine” del prossimo mese di giugno Poppi avrà uno spazio di tutto riguardo, in anticipo su oltre 230 borghi presenti nel Club.
Borghi Magazine è una rivista molto curata, con oltre 50.000 copie distribuite e vendute prevalentemente nelle grandi città, vale a dire indirizzato al “target” turistico esatto dei Borghi. “Nessun miracolo”, dicono dal Comune di Poppi. “Solo la voglia e la determinazione di chi pensa che il turismo in Casentino non sarà la panacea di tutto ma che potrà diventare una voce molto importante per l’economia della vallata. Dopo essere stati ai margini del progetto “Borghi” adesso Poppi ha deciso di scommetterci e di investire su una realtà in crescita, come confermano i dati delle presenza turistiche raccolti negli ultimi anni. 
“Una nota di colore ma sintomatica del nuovo clima che Poppi respira all’interno del Club: a luglio, sabato 9, il presidente nazionale dei Borghi, Fiorello Primi, valente batterista, in segno di rinnovata amicizia ha accettato di esibirsi a Poppi in concerto”, si legge nel profilo Facebook della biblioteca comunale Rilliana di Poppi.
 
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa
CONDIVIDI
Articolo precedenteVallesanta, rinviato il Mercatale di Corezzo.
Prossimo articoloNel parco con Rai Storia
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma scrive a Ponte a Poppi, in Casentino, dove vive. Direttore del periodico Casentinopiù dal 2013, è anche “scrittore”, giornalista, tabaccaio, “runner” e “tennista”: quasi tutto rigorosamente tra virgolette.