C. Focognano, nuovi investimenti e nessun aumento di tasse

Il Presidente dell'Unione dei Comuni del Casentino e Sindaco di Castel Focognano, Massimiliano Sestini

Il comune di Castel Focognano annuncia il piano di riqualificazione del territorio che sarà realizzato senza toccare le tasche dei cittadini.

Nessun aumento di tasse e 850 mila euro pronti da investire sul territorio: è il programma del comune di Castel Focognano che, nonostante i mutui contratti in passato e gli importanti tagli ai trasferimenti statali, nel nuovo anno non chiederà un centesimo in più ai suoi cittadini, investendo nella valorizzazione del capoluogo e delle frazioni grazie ad un’attenta gestione delle spese. I lavori, che prenderanno il via già nel 2019, rientrano nel bilancio che sarà approvato il 20 marzo dal consiglio comunale e prevedono: la riqualificazione del borgo di Castel Focognano, di parte del borgo di Salutio, di via Buonarroti a Rassina, l’ampliamento della mensa del polo scolastico di Rassina e del cimitero di Carda, il terzo lotto di illuminazione a led e l’inaugurazione dell’area archeologica di Pieve a Socana che dopo anni di abbandono tornerà quindi a splendere. E’ proprio grazie ad un importante piano di investimenti messi in atto dall’amministrazione comunale che il sito archeologico di Pieve a Socana è oggi al centro degli itinerari turistici regionali e suscita l’interesse dei visitatori di tutta la regione. “Siamo soddisfatti, il nostro bilancio è frutto di un’oculata gestione delle spese e di una costante e proficua quota di recupero da accertamenti imu, tasi, tari e irpef, e su mensa e trasporto scolastico – sottolinea il sindaco Massimiliano Sestini – anche gli investimenti previsti per il 2019 vanno oltre ogni previsione, superando sulla carta quelli del 2018. La sfida del futuro è quella di migliorarsi ancora, di sbloccare gli avanzi e andare alla ricerca di nuovi spazi finanziari per avviare e portare a termine importanti opere a favore della comunità di Castel Focognano”. La pressione fiscale quindi rimarrà la stessa anche nel 2019, in quanto l’amministrazione manterrà invariate le tasse e non attuerà ritocchi alle tariffe del servizio mensa e del trasporto scolastico. L’ultimo punto che sarà affrontato in consiglio comunale in occasione dell’approvazione del bilancio, prevede la discussione aperta al contributo di tutti i cittadini, sulla situazione di pericolo in cui versano le piante di piazza Mazzini a Rassina. E’ previsto anche l’intervento dell’agronomo che ha curato lo studio sullo stato di salute degli arbusti, lanciando l’allarme sulla sicurezza dei cittadini e rendendo necessarie le operazioni di taglio.

Poppi, 18 febbraio 2019.
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa