Capolona e Subbiano: 9 persone denunciate e una trovata in possesso di stupefacenti

Nella serata e nella notte tra sabato e domenica i militari della Compagnia Carabinieri di Arezzo hanno effettuato uno specifico servizio di controllo del territorio, sollecitato da numerose segnalazioni dei cittadini, che ha interessato i comuni di Capolona e Subbiano, attività finalizzata a prevenire e contrastare fenomeni criminosi, nonché episodi di degrado urbano e comportamenti potenzialmente pericolosi per la comunità e tipici del fine settimana, in questo caso con particolare attenzione alla circolazione stradale.

Il servizio è stato svolto in modo coordinato dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale con l’impiego sul territorio di numerose unità di carabinieri, coinvolti con cinque pattuglie automontate, in divisa ed in borghese. Sono state presidiate le zone sensibili dei centri urbani dalle prime ore della sera ed altresì eseguiti controlli sui conducenti di 74 tra autovetture e motoveicoli lungo le arterie maggiormente trafficate, identificando 106 persone, tra italiani e stranieri, operazione finalizzata ad individuare e sanzionare le persone che si mettono alla guida soprattutto nel fine settimana sotto l’alterazione da sostanze alcoliche o stupefacenti.

Nello specifico, sono stati deferiti alla locale procura della Repubblica complessivamente 9 soggetti tra italiani e stranieri, un cittadino egiziano per falsità materiale commessa da privato, poiché trovato in possesso di un documento di guida contraffatto, sanzionato amministrativamente per la mancanza dei requisiti per la guida e conseguentemente l’autovettura veniva sottoposta a fermo amministrativo.

Le altre 8 persone segnalate, controllate durante i posti di controllo effettuati, sono state tutte sorprese alla guida in stato di alterazione alcolica, i predetti hanno età compresa tra i 44 ed i 20 anni. Un altro cittadino è stato trovato in possesso di una modica sostanza stupefacente del tipo marijuana per uso personale, quindi segnalato alla Prefettura del capoluogo come assuntore. L’attività svolta è inserita in una serie di specifici servizi svolti dall’Arma dei Carabinieri nei centri urbani finalizzati a tutelare i cittadini e, contemporaneamente, consentire lo svolgimento della vita sociale in un contesto di sicurezza e legalità.

Ultimi Articoli

Torna la Lira di Bibbiena: l’amministrazione in aiuto di chi ha più bisogno

L'amministrazione bibbienese in aiuto delle famiglie più fragili delle attività commerciali del territorio. È aperto il bando per cittadini e attività. Le attività che hanno già...

Aruba inaugura a Ponte San Pietro: il saluto del sindaco Vagnoli

Il Sindaco di Bibbiena ha portato un saluto alla famiglia Cecconi proprietari di Aruba, che oggi, ha inaugurato la struttura global cloud data center...

“In cammino con tre santi, un beato e un poeta”: il libro di Ferrini alla Fondazione Baracchi

Incontro con Alessandro Ferrini alla Fondazione Baracchi Domenica 4 dicembre ore 16.30 Passeggiare in Casentino in compagnia di tre santi, un beato e un poeta, il...