Casentino, criticità per le imprese con il caro bollette: l’allarme di CNA

Bernardini CNA Casentino e Peruzzi CNA Fita: il rischio è non riuscire ad agganciare la ripresa post pandemia

Casentino, una vallata in bilico. Dopo aver superato il terribile biennio 2020-2021, le imprese della zona si trovano a fare i conti con molte criticità, alcune già note, altre emerse pesantemente di recente e tali da mettere a rischio la tenuta del sistema imprenditoriale.

A fare il punto della situazione è il presidente CNA Casentino Marcello Bernardini che indica tre grandi temi da affrontare subito, pena la perdita dell’occasione di agganciare la ripresa: bonus edilizia, caro bollette e viabilità.

I dati camerali al 31.12.2021 registrano la tenuta del sistema economico della vallata; in Casentino operano in totale 3.302 imprese, un tessuto pressoché stabile rispetto all’anno precedente, di queste 998 sono artigiane (l’1,1% in più rispetto al 2020 quando se ne contavano 987), concentrate soprattutto nelle costruzioni (358) e nelle attività manifatturiere (274).

“I segnali di ripresa registrati nella seconda parte del 2021 rischiano ora una battuta d’arresto per tutti i settori – commenta il presidente CNA Casentino – Gli incentivi per l’edilizia hanno effettivamente rivitalizzato il settore che ha contribuito in modo determinante alla ripresa economica e ha impresso una accelerazione al processo di riqualificazione urbana ma le recenti decisioni governative rischiano di bloccare il circolo virtuoso. Per molte aziende si è materializzato l’incubo default. Vietare la cessione dei crediti significa fermare lo sviluppo del Paese. La disposizione sta bloccando i cantieri, congelando gli investimenti e provocando gravi danni a artigiani e piccole imprese dell’intera filiera. Ci auguriamo subito un decreto che cancelli le limitazioni”.

Anche il caro bollette e l’impennata dei costi delle materie, insieme alle difficoltà di approvvigionamento, stanno erodendo pesantemente i margini di profitto delle imprese e rischiano di bloccare la produzione. Il presidente CNA Casentino auspica “che il governo appronti tutte quelle misure necessarie per frenare i rincari fuori controllo dei costi energetici con interventi strutturali a partire dalla riduzione del peso fiscale in bolletta. Le difficoltà colpiscono sia imprese che famiglie incidendo sui consumi interni già in pesante frenata dall’emergenza Covid”.

Criticità a cui si è aggiunta la paventata chiusura del passo dei Mandrioli, che al momento sembra fortunatamente scongiurata. Un’eventualità che avrebbe dato il colpo di grazia a un quadro già di per sé preoccupante per l’economia della vallata da sempre alle prese con i problemi dei collegamenti sia verso il capoluogo di provincia che il versante romagnolo.

Sul punto Antonio Peruzzi, presidente CNA Fita, riporta le preoccupazioni dell’autotrasporto: “La chiusura del passo rappresenterebbe un danno di proporzioni difficilmente quantificabili per l’intera economia del versante toscano. Provocherebbe ingenti danni alle aziende casentinesi e a tutta la filiera del trasporto, in quanto non esistono strade alternative praticabili. Nessuno vuole negare – prosegue il presidente Peruzzi – che ci siano delle criticità, ma l’unica soluzione possibile è la messa in sicurezza di tale percorso. Gli Enti preposti devono urgentemente trovare accordi con obbiettivi comuni e risorse per interventi effettivamente risolutivi, evitando misure ‘tampone’ anno per anno”.

Ultimi Articoli

Il Metaverso: Bibbiena presenta il futuro

Il 27 agosto prossimo Bibbiena sarà la location di un evento nazionale che ci catapulterà tutti nel futuro prossimo attraverso il metaverso. Il metaverse è...

Jacopo Piantini riconfermato Vice Presidente nazionale di Enelcaccia

“Con grande orgoglio apprendo la notizia che il nostro Assistente scelto della Polizia Municipale di Bibbiena Jacopo Piantini, è stato riconfermato nel ruolo di...

Alta velocità, il Comitato Sava incontra il Gruppo LFI

Domenico Alberti “senza misure straordinarie di rilancio dell'economia e delle infrastrutture sono a rischio molte famiglie e imprese”   Arezzo - Le prime cinquemiladuecentoventidue firme pro Medio...