Casentino e Valtiberina insieme per promuovere sviluppo economico e sociale nelle zone appenniniche

È stato presentato nei giorni scorsi presso la sede dell’Unione dei Comuni a Ponte a Poppi il progetto “Casentino e Valtiberina toscana destinazioni di eccellenza”, iniziativa che nasce dalla collaborazione fra Consorzio Casentino Sviluppo e Turismo e Toscana d’Appennino per la parte tiberina. L’incontro è avvenuto alla presenza dei componenti del direttivo delle due società promotrici, del mondo universitario, di agenzie di comunicazione e marketing, di operatori privati del settore del turismo e della ricettività.
Il presidente facente funzioni di Casentino Sviluppo e Turismo, Luca Alterini, ha sottolineato il fatto che «il Consorzio torna ad essere coinvolto direttamente in un importante progetto di promozione, dove verranno investite importanti risorse per il territorio. L’opportunità nasce grazie alla Strategia Nazionale delle Aree Interne, che ha unito in un progetto pilota l’area del Casentino e dalla Valtiberina toscana, per contribuire allo sviluppo economico e sociale di queste parti d’Italia che sono state caratterizzate da un graduale processo di marginalizzazione e calo della popolazione residente a partire dal dopoguerra».
Il progetto, illustrato da Lucrezia Lorini di Toscana d’Appennino e Ermanno Bonomi consulente dell’Agenzia IO (le società che realizzeranno le fasi operative del progetto), avrà una durata di dodici mesi per realizzare alcune azioni specifiche, tra cui: effettuare indagini e rilevazioni di dati finalizzate alla stesura di piani di sviluppo, sia per le aziende che per il consorzio stesso; promuovere eventi di coinvolgimento dei territori del Casentino e della Valtiberina Toscana, delle altre aziende consorziate e di tutte le aziende del territorio; realizzare seminari di formazione; definire piani di sviluppo e piani marketing territoriali; creare una redazione permanente, dedita alla raccolta e produzione di contenuti da utilizzare per la promozione; favorire lo sviluppo di canali digitali (siti di destinazione, canali social ecc) per azioni Business to Business. In questo senso una piattaforma sarà costruita per il territorio e per le esigenze che verranno espresse dagli operatori. Tramite la piattaforma domanda e offerta potranno avere un dialogo diretto.
“Le aziende partecipanti hanno espresso piena disponibilità a collaborare ed hanno percepito che si trovano di fronte ad una vera opportunità”, ha concluso Alterini. “Anche le aziende non beneficiarie si sono mostrate interessate al progetto ed hanno chiesto di poter partecipare ai corsi di formazione previsti in programma, perché concordano ne ritenere questo progetto come un’occasione per far collaborare tutte le imprese del Consorzio e che ha unito anche politicamente tutto il territorio, ottenendo il sostegno di tutti i Comuni”.
Comunicato stampa
Poppi, 03 maggio 2018