Casucci: “Il Consiglio di Stato ha penalizzato l’attivita’ boschiva. Forti ripercussioni in Casentino”

Foto di Carabo Spain da Pixabay - immagine di repertorio

Marco Casucci-lega: “Nostra mozione per salvaguardare la selvicoltura: il Consiglio di Stato ha penalizzato l’attivita’ boschiva. Forti ripercussioni in Casentino”

“Una decisione del Consiglio di Stato- afferma Marco Casucci, Consigliere regionale della Lega- ha, in qualche modo, reso più complessa e farraginosa l’attività relativa al taglio boschivo che va incontro, pertanto, ad una forte penalizzazione, specialmente per l’area casentinese.” “La trafila burocratica per svolgere tale operazione- prosegue il Consigliere-rischia, infatti, di diventare sia più onerosa dal punto di vista economico che anche nelle tempistiche per avere le dovute autorizzazioni.” “Sia Coldiretti che Anci Toscana- precisa l’esponente leghista- si sono attivati, esprimendo un chiaro dissenso a quanto deciso che potrebbe comportare importanti danni ad un intero comparto lavorativo.” “A fronte di tutto ciò- sottolinea il rappresentante della Lega- abbiamo quindi redatto una mozione in cui chiediamo espressamente alla Giunta toscana di muoversi tempestivamente nei confronti del Governo e nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni con lo scopo di ridurre contenuti e tempi ad oggi richiesti per i nullaosta, salvaguardando appieno la stagione in corso.” “Inoltre- insiste il Consigliere- è necessario, a nostro avviso, individuare i correttivi per modificare la Legge, tutelando le nostre aziende, la cui sopravvivenza potrebbe essere messa a forte rischio.” “Insomma – conclude Marco Casucci – la selvicoltura va valorizzata nel suo insieme e non certamente ostacolata con deleteri cavilli burocratici.”

Comunicato stampa

Il Consigliere regionale Marco Casucci (Lega)