Casucci-Lega: “Da Pratovecchio a Firenze per un vaccino che non c’è: nostra interrogazione sulla delicata questione”

Il Consigliere regionale Marco Casucci (Lega)

“Sinceramente-afferma Marco Casucci, Consigliere regionale della Lega-siamo rimasti sbalorditi nell’apprendere la vicenda che ha coinvolto i genitori di una bambina disabile, residenti a Pratovecchio-Stia.” “Un episodio che, purtroppo-prosegue il Consigliere-s’innesca in un contesto di disorganizzazione del piano vaccinale in Toscana che, col passare del tempo, appare sempre più lacunoso.” “La vicenda, riportata dalla stampa-precisa l’esponente leghista-è molto semplice, quanto dai contorni inaccettabili.” “In pratica-sottolinea il rappresentante della Lega-i genitori di una minore disabile, sarebbero riusciti, dopo una settimana di attesa, ad avere il via libera per potersi recare all’ospedale fiorentino di Careggi, dove gli sarebbe stato praticato il vaccino.” “Arrivati nel nosocomio, però-insiste Casucci-sarebbero stati informati che si era verificato un errore e che quindi non potevano essere immunizzati; pare, tra l’altro, che questa disavventura, fosse pure capitata, nei giorni precedenti, ad altre persone.” “Per chiarire ufficialmente i termini di una questione che apparirebbe molto grave-specifica il Consigliere-redigeremo quindi un’interrogazione in cui chiederemo dettagliate spiegazioni in merito all’Assessorato competente.” “Vi sono, infatti-rileva Marco Casucci-diversi nodi da sciogliere e capire, altresì, se si tratti di un caso isolato, oppure se tale problematica sia stata effettivamente riscontrata, in altre occasioni similari.” “Non possiamo ammettere-conclude il Consigliere-che si possano verificare disservizi di questo tipo, tali da creare giuste apprensioni ed una naturale indignazione da parte di chi dovrebbe avere assicurata un’assistenza sanitaria funzionale e non andare incontro ad intollerabili disagi.”

Gruppo Lega