Chiusi della Verna, salvi gli uffici postali

TROVATO L’ACCORDO TRA COMUNE E POSTE ITALIANE
Il Sindaco Tellini: “Salvati tutti e due gli uffici del nostro comune, dal 2016 i nuovi orari”
“Abbiamo salvato entrambi gli uffici postali del nostro comune, e se penso che fino a poco tempo fa si parlava solo di chiusure nelle zone montane non posso che essere soddisfatto”. Così il Sindaco di Chiusi della Verna Giampaolo Tellini commenta l’accordo raggiunto con Poste Italiane nella persona della direttrice provinciale dott.ssa Consuelo Loiero per il mantenimento degli uffici postali di Chiusi e Vallesanta.
“Oltre ad aver ufficializzato la permanenza in vita dei due presidi a Chiusi e Biforco – prosegue Tellini – abbiamo concordato anche di rivedere i giorni di apertura, per venire incontro alle esigenze che i cittadini ci avevano manifestato nei mesi scorso. In particolare, dal primo gennaio 2016 
In queste due sedi i giorni di apertura saranno tre a settimana, di cui a Chiusi uno sarà il sabato. In Vallesanta resta invece l’orario precedentemente stabilito. Inoltre, avremo come richiesto un giorno in più di apertura nella prima settimana di ogni mese, e questo soprattutto per le esigenze di riscossione da parte dei pensionati”.
“Ringrazio molto per collaborazione – conclude il Sindaco Tellini – la direttrice provinciale di Poste Italiane, che ha capito le esigenze della cittadinanza ed è venuta incontro alle nostre richieste, dimostrando la giusta sensibilità per operare nelle zone montane nel miglior modo possibile”. Domenica 29 novembre a Villa Rose a Chiusi della Verna, il Sindaco incontrerà la popolazione over 65 per uno dei momenti conviviali programmati in questo periodo, e in quell’occasione avrà modo di illustrare ai presenti i contenuti ed i particolari dell’accordo stesso.
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa
CONDIVIDI
Articolo precedenteRedazione
Prossimo articoloIo, casentinese, truffato da Banca Etruria
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma scrive a Ponte a Poppi, in Casentino, dove vive. Direttore del periodico Casentinopiù dal 2013, è anche “scrittore”, giornalista, tabaccaio, “runner” e “tennista”: quasi tutto rigorosamente tra virgolette.