Co-housing sociale: l’ex Onpi di Poppi diventa simbolo di innovazione sociale

Il Comune di Poppi – grazie al finanziamento ottenuto sull’avviso PNRR missione 5 componente 3 investimento 1.1.1. “servizi e infrastrutture sociali di comunità” – realizzerà un progetto di innovazione sociale in una parte del complesso immobiliare Ex ONPI (zona della ex casa delle suore e lavanderia)


Tale intervento si pone in linea con la strategia di sviluppo delle aree interne, nell’ambito della quale sono promossi azioni di co-housing rivolte in particolare alle persone anziane.

A fronte di una popolazione che invecchia, la decisione è di garantire loro una proposta residenziale abitativa inclusiva che riproponga un contesto familiare e domestico condiviso. La popolazione anziana rappresenta la frontiera demografica futura, sulla quale si può fare poco per attenuare l’incidenza quantitativa, ma si può fare moltissimo sotto il profilo qualitativo.

Il percorso di innovazione sociale prevede lo sviluppo di formule innovative di co-housing autogestite dalle famiglie e o da organizzazioni ad esse connesse organicamente. Si tratta di strutture con le caratteristiche di normale abitazione civile dove sono fruibili e disponibili spazi specificamente destinati ad attività comuni, quali sala pranzo, sale ricreative. Inoltre, gli appartamenti saranno dotati di domotica e infrastrutture telematiche a supporto dell’autonomia abitativa.

Accanto saranno realizzati due appartamenti per l’accoglienza di famiglie profughe fuggite dalla guerra. Questi alloggi saranno gestiti in collaborazione con il progetto SAI (Sistema Accoglienza ed Integrazione) dell’Unione dei Comuni Montani de Casentino.

Tra i quattro appartamenti ci sarà uno spazio in comune che permetterà una coabitazione tra anziani e giovani migranti e le loro famiglie. L’obiettivo è di generare occasioni di conoscenza e scambio di solidarietà, che oggi nell’epoca dell’individualismo, danno senso al “farsi prossimo” rispondendo ai tanti bisogni e prendendosi cura dell’altro. Un prendersi cura che genera scelte solidali, portate avanti dai tanti attori presenti nella nostra comunità di Poppi.

Il finanziamento complessivo dell’infrastruttura sociali di comunità ammonta a 1.394.000,00 euro e rispetto alla restante area dell’ex ONPI, l’Amministrazione comunale sta aspettando la risposta del progetto di 5milioni di euro presentato, tramite la Regione Toscana al Ministero delle Infrastrutture.

L’obiettivo per l’intera area è di realizzare azioni concrete per una ripresa locale sostenibile dell’abitare, rivolta a ri-generare opportunità turistiche, imprenditoriali, culturali e sociali.

“La sfida principale dei nostri territori, caratterizzati da processi di invecchiamento e spopolamento, è di contrastare le dinamiche di abbandono e per fare ciò occorrono interventi strutturali per le famiglie, per la casa, il lavoro e i servizi pubblici “dichiarano il Sindaco Carlo Toni e l’Assessora alle politiche sociali Giovanna Tizzi.

Ultimi Articoli

Continuità e rinnovamento nelle politiche per lo sport di “Poppi nel Cuore”

La lista a sostegno di Carlo Toni come candidato a sindaco ha condiviso i progetti sportivi per il 2024-2029 Gli interventi interesseranno gli impianti di...

Bibbiena: Un Museo per Tutti, si inaugurano i servizi per l’accessibilità

Sabato 25 maggio sarà inaugurato il nuovo percorso museale ad alta accessibilità realizzato dalla Rete D’Appennino grazie ai finanziamenti dell’Unione europea – NextGenerationEU  Bibbiena (AR)...

Soci, un nuovo campetto da calcio per i piccoli della Casentino Academy

E’ stato inaugurato ieri con un piccolo torneo dei più piccoli, il nuovo campetto in erba sintetica reso possibile grazie alla collaborazione tra volontariato,...