Comodato gratuito di immobili a figli e genitori, ecco le nuove regole

Informazioni negli uffici e sul web dai Comuni del Casentino, e presso l’Unione
La legge di stabilità 2016 ha introdotto, rispetto agli anni passati, alcune importanti novità per il comodato gratuito prevedendo la riduzione del 50% della base imponibile IMU e TASI per gli immobili concessi in comodato d’uso gratuito ai parenti in prima linea, ossia figli e genitori.
Esaminiamo nel dettaglio la normativa, specificando che la stessa NON E’ applicabile alle abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.  
La base imponibile su cui calcolare l’IMU e la TASI è ridotta al 50% per le unità immobiliari concesse in comodato dal soggetto passivo (comodante) ai parenti in linea retta entro il primo grado, ossia genitori e figli, (comodatari) a condizione che:
1) il comodatario deve utilizzare l’immobile come sua abitazione principale
2) Il contratto di comodato, anche se verbale, deve essere registrato
3) Il comodante possieda un solo immobile in Italia, intendendosi  che l’immobile sia ad uso abitativo, con la conseguenza che il possesso di  altri immobili o di pertinenze  non  destinati ad uso abitativo non impediscono il riconoscimento dell’agevolazione
4) Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, sempre ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.  
Le condizioni sopra riportate sono tutte necessarie per il riconoscimento dell’agevolazione, dunque il venir meno di una sola di esse determina la perdita dell’agevolazione stessa. Va infine detto che il soggetto passivo dovrà attestare  il possesso dei suddetti requisiti presentando modello di dichiarazione, così come previsto nei vigenti Regolamenti IMU e TASI. Per maggiori dettagli si può leggere la risoluzione n. 1/DF , del Ministero dell’Economia e delle Finanze che tratta di particolari casistiche ed approfondisce alcuni aspetti normativi e pratici.
Stante gli inevitabili dubbi e difficoltà nell’applicazione di una norma totalmente nuova a valenza su tutti i Comuni in quanto contenuta nella Legge di Stabilità, anche il Servizio Entrate dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino resta a disposizione degli utenti per garantire le informazioni del caso. L’ufficio di riferimento nella sede di Via Roma a Ponte a Poppi è aperto al pubblico il martedì, giovedì e venerdì (0575-507232, dott.ssa Maria Teresa Burchini). Ecco il link al sito che riporta addetti ed orari dei singoli uffici comunali.
http://www.uc.casentino.toscana.it/sportello-amico-solo-per-te
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa 
 
CONDIVIDI
Articolo precedenteGran Fondo città di Poppi
Prossimo articoloIn Vallesanta torna il Mercatale
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.