Contrasto al fenomeno dell’avvelenamento degli animali selvatici.

 Il progetto nazionale (Life Pluto) verrà presentato nelle Foreste casentinesi
giovedi (16 giugno), alle 15, 30 presso il centro visite del Parco di Badia Prataglia.

Ogni anno in Italia si registrano diversi casi di avvelenamento di animali. Si pensa che questi rappresentino solo la punta di un iceberg. Infatti la pratica rimane perlopiù sconosciuta a causa del fatto che le carcasse di animali selvatici si trovano raramente, soprattutto se sono di specie molto rare. Inoltre i casi di avvelenamento non sono sempre segnalati.
Il cardine del progetto Life Pluto, nato per fronteggiare questa emergenza e operativo nel parco delle Foreste casentinesi, è l’unità cinofila anti avvelenamento (NCA). Ne sono stati istituiti sei sul territorio nazionale. Oltre al nostro presidio si contano quelli dei parchi dei Monti Sibillini, d’Abruzzo, del Lazio e del Molise, del Cilento e del Vallo di Diano e del Pollino e quello del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Isernia (NIPAF) del Corpo forestale dello Stato.
Sono dislocati in aree ritenute prioritarie per le criticità legate al fenomeno “uso di esche e bocconi avvelenati”, in correlazione alla presenza di specie faunistiche minacciate (in particolare i grandi carnivori).
Opereranno in sinergia con il “nucleo antiveleno” nato grazie al progetto Life “Antidoto” presso il parco nazionale del Gran Sasso e con quelli istituiti nell’ambito dei progetti Life “Medwolf” (Maremma) e “Mirco” (parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano).
Vanno a completare una organizzazione sempre più capillare che vede anche l’arco alpino impegnato nel contrasto del fenomeno con altri due nuclei cinofili antiveleno CFS del progetto Life “Wolfalps”.
Ciascun Nucleo Cinofilo Antiveleno è composto da un conduttore e due unità di supporto che opereranno con due cani, secondo tecniche e procedure messe a punto in Andalusia. In questa regione della Spagna il fenomeno ha rilevanza molto maggiore e, proprio per questo, sono state sviluppate le più significative esperienze.
Il mese scorso si è concluso il secondo corso di formazione che ha visto impegnati i 6 conduttori a cui è stato affidato il primo dei due cani previsti dal progetto per ciascun NCA. Il secondo cane, come da progetto, arriverà in autunno.
Tra le attività del Life sono previsti incontri informativi e formativi rivolti a diverse categorie professionali, operatori di settore, portatori di interesse, associazioni, enti che, a vario titolo, sono coinvolti nelle attività di contrasto al fenomeno.
L’incontro divulgativo ha il fine di presentare Il nucleo NCA del parco nazionale delle Foreste casentinesi, la cui sede sarà presso il comando stazione CTA-CFS di la Verna-Vallesanta, e per sollecitare l’attenzione sul fenomeno. Il tutto al fine di ridurre l’incidenza dell’uso di esche e bocconi avvelenati in un territorio di grande rilevanza naturalistica ed ambientale.
Il programma si apre con una dimostrazione delle attività operative dei nuclei cinofili presso l’arboreto Siemoni.
Dopo i saluti del Presidente del Parco ci saranno gli interventi di Alesssandra Mango (“I Nuclei cinofili antiveleno”) , Giancarlo Papitto e Marco Mencucci (“Il progetto Life Pluto” e “L’uso illegale del veleno in Italia”) del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato.
La giornata successiva sarà dedicata alla formazione rivolta a personale CFS, altri organi di polizia giudiziaria, guardia parco, addetti alla sorveglianza nelle aree protette e veterinari.
U.s. parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna