Dal Casentino Calcio Femm. all’Arezzo: nuova sfida per Laura Verdi e Debora Frosecchi

Se il Ferragosto per la maggior parte delle persone rappresenta l’agognata meta di riposo dopo un anno di duro lavoro, per il calcio invece risulta essere il periodo propizio per mettere a segno i primi colpi di mercato e questo è il caso dell’Arezzo Calcio Femminile che dopo aver ottenuto il ripescaggio in Serie B e aver accolto la neo allenatrice sassarese Manuela Tesse sulla panchina della prima squadra, farà indossare la maglia amaranto dalla prossima stagione alla centrocampista Laura Verdi e all’attaccante Debora Frosecchi, due atlete di rilievo che andranno a rafforzare l’organico della prima squadra in vista del suo ingresso all’interno del panorama calcistico nazionale.

Laura Verdi, classe 1992, casentinese di Pratovecchio, vanta sei anni di esperienza nei campionati di serie D e serie C tra le fila del Casentino, società a cui è approdata nel 2010, anno della sua fondazione. “L’esperienza che ho vissuto nel Casentino è stata sicuramente formativa, ma è giunto per me il momento di misurarmi con altre realtà e categorie- dichiara la neo amaranto Laura Verdi.- L’Arezzo Calcio Femminile rappresenta per me una nuova pagina della mia carriera calcistica e un nuovo stimolo per la mia crescita sportiva”.
Stessa provenienza anche per Debora Frosecchi, attaccante toscana cresciuta nel settore giovanile del Firenze Calcio Femminile. Nel suo curriculum compaiono quattro stagioni giocate in serie C con la maglia della Grevigiana, e un’ultima esperienza quinquennale con il Casentino rispetto alle quali afferma: “Sono molto contenta di poter vestire la maglia amaranto. L’Arezzo è una società che si sta muovendo bene e il ripescaggio in B lo conferma. Senza nulla togliere alla mia vecchia squadra, dopo tanti anni sul rettangolo verde, grazie all’Arezzo potrò mettermi in gioco in un campionato nazionale”.

In bocca al lupo alle nostre ragazze per la loro nuova avventura!

Silvia Bianchi
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.

Ultimi Articoli

Subbiano, si illumina di blu il Palazzo comunale

In un mondo dove ogni giorno la cronaca racconta di civili vittime innocenti della guerra e dei conflitti, l’Amministrazione Comunale di Subbiano, che da...

Voci dal Casentino: due storie casentinesi per “non dimenticare”

Domenica pomeriggio alle ore 16 presso il circolo Kontagio di Ponte a Poppi, si è tenuta un’importante sessione informativa, resa davvero interessante oltre che...

Bibbiena, Corso antincendio per le associazioni del territorio

Bronchi: “Un nuovo grande successo per la sicurezza di tutti”  Si è concluso con successo e con grande soddisfazione da parte dell’amministrazione comunale che lo...