Ecomuseo del Casentino, fine settimana con tre eventi nella vallata

L’Ecomuseo del Casentino propone per il prossimo fine settimana tre eventi per celebrare le eccellenze della vallata e riscoprire le tradizioni locali in questo scorcio di primavera. Da Badia Prataglia a Cetica a Corezzo, ecco le tre iniziative che caratterizzano il weekend:
Sabato 13 maggio a Corezzo (Chiusi della Verna), presso l’Ecomuseo della Vallesanta, “Cantamaggio che fa il mondo rallegrar”. L’arrivo della primavera annunciato dai bambini della Vallesanta che nell’occasione riproporranno i loro canti itineranti tra i principali nuclei abitati della Valle. Informazioni 334-3040242.
Sempre sabato 13 a Badia Prataglia (Poppi), “Il cammino delle Maestà”. Passeggiata notturna alla scoperta delle maestà del paese. Partenza dalla chiesa alle 18:30, informazioni e prenotazioni obbligatorie al 335-7987844. La passeggiata condurrà i partecipanti alle località La Maestà, La Grotta, Sassopiano, Campo dell’Agio, Il Capanno, Poggiolin del Ghiro e Vetriceta, tutte nei dintorni di Badia Prataglia, per terminare al Ristorante La Foresta dove sarà possibile restare per la cena.
Domenica 14 maggio a Cetica (Castel San Niccolò), giornata ricca di eventi: al mattino prima Edizione del Trail del Pratomagno, gara competitiva di Trail Running lungo i sentieri del Pratomagno casentinese. Per informazioni ed iscrizioni www.trailrunpro.it
Nell’ambito dell’iniziativa, alle 9:30 “Sui passi del tempo – uso delle risorse e sapienze artigianali che resistono”. Passeggiata (adatta per famiglie) attraverso torrenti, boschi, mulini ad acqua e suggestive testimonianze architettoniche medievali accompagnati da una guida ambientale e un archeologo medievista. Alle 11:30 si accende la carbonaia in loc Casenzi
Alle 13 pranzo su prenotazione presso l’Ecomuseo del Carbonaio (Info e prenotazioni al 338-3449075). Alle 15:30 presentazione del progetto “Antiche mani” a cura del regista Alfredo Franco, con proiezione dei video riferiti al Mulino dei F.lli Grifoni e alla Bottega Fabbrile di Roberto Magni di Pagliericcio. Prima della proiezione dei filmati, una breve presentazione evidenzierà il valore eccezionale e la concentrazione, nel giro di pochi chilometri, di testimonianze legate ad antiche manifatture ancora in attività.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa