Educarci ed educare alla cittadinanza digitale

Siamo tutti immersi in un ambiente digitale e la cittadinanza digitale comporta diritti e doveri ma quanto li conosciamo? Le nostre competenze sono adeguate per tutelare la nostra libertà, esercitare i nostri diritti, rispettare libertà e diritti altrui? Cosa può fare un genitore per tutelare i figli dai rischi di un uso improprio della Rete? Come può un educatore motivare i ragazzi a valorizzare le potenzialità del digitale? A questi e molti altri quesiti potrà rispondere il corso dal titolo: “Educarci ed educare alla cittadinanza digitale” tenuto dal professor Anselmo Grotti, docente di Linguaggi Digitali presso l’Istituto ISSR della Toscana, già docente di Informatica umanistica e Filosofia della comunicazione digitale presso l’Università di Siena. Il corso è rivolto a studenti, insegnanti, genitori, animatori, responsabili di gruppi giovanili e a chiunque desideri migliorare le proprie competenze di corretto e consapevole utilizzo degli ambienti digitali. Le lezioni, otto, che inizieranno l’8 marzo e si concluderanno il 17 maggio, saranno disponibili dalle 17 del giorno della lezione a questo indirizzo: http://www.issrtoscana.it/cittadinanzadigitale2/e comunque ogni iscritto potrà usufruirne nei modi e nei tempi personalizzati.

Al termine del corso, riconosciuto dal MIUR, ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Il costo dell’iscrizione è di 20 euro.

CONDIVIDI
Articolo precedentePolemica a Subbiano: la replica di Antonio de Bari alla sindaca
Prossimo articoloMarco Vignoli ha sconfitto il Covid e diventa il simbolo della nuova battaglia di Bibbiena contro il virus
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.