“Falterona”: il thriller casentinese che vi stupirà…

Non lo avete ancora comprato? …“Falterona” il thriller casentinese, scritto come un diario di scavo, l’adrenalinica avventura di un Indiana Jones nostrano ambientata al Lago degli Idoli!
Archeologia, etruscologia, storia locale, leggende, superstizioni e un pizzico di sacro… ma anche sesso, droga e rock ‘n’ roll, nel nuovo romanzo di Riccardo Bargiacchi… e tutto in 60 pagine per i più pigri nella lettura!
Lo trovate nelle librerie ed edicole casentinesi ma anche nel circuito delle librerie online (amazon ecc.). Si approfitta per annunciare che il romanzo (n° 1 della collana CasentinoPiù) sarà presentato al Castello di Poppi la sera del 10 agosto e che sarà al centro di altre iniziative, come quella organizzata in collaborazione con l’associazione “Gli Amici dell’Asino” e prevista per i giorni 14 e 17 agosto, in cui, raggiunto il sito archeologico in questione a piedi (con passeggiata facilitata dalla possibilità di accesso in auto fino al rifugio di Vitareta), si procederà alla lettura di qualche brano dell’opera, per poi spostarsi a Capodarno e continuare anche il viaggio letterario, ascoltando i versi di Dante dedicati all’Arno e alla sua sorgente in Falterona!

1. 2

La copertina del libro

2. 2

Il calendario degli eventi del Museo Archeologico

CONDIVIDI
Articolo precedente“La mia ricetta contro la crisi “: Il Re del Cachemire nella Valle dei tessuti
Prossimo articoloAsili nido, possibile convenzione con strutture private
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.