Firenze, inaugurata la mostra su Emma Perodi alla Biblioteca delle Oblate

Inizia il ciclo di celebrazioni per il centenario della morte della grande scrittrice

A Firenze, nella splendida biblioteca delle Oblate, è stata inaugurata sabato 14 aprile la mostra itinerante dedicata a Emma Perodi. L’esposizione, che resterà visibile fino al 5 maggio, segna l’inizio di una serie di celebrazioni, “Dedicate ad un’autrice – ha detto Eleonora Ducci, Sindaco di Talla e Assessore alla Cultura presso l’Unione dei Comuni Montani del Casentino – che con questa iniziativa ci proponiamo di riscoprire e far conoscere meglio alle nuove generazioni. Per chi è nato in Casentino la Perodi è innanzitutto colei che ha scritto “Le novelle della Nonna”, e proprio questa mostra rappresenta un’occasione preziosa per far conoscere la nostra vallata anche nei suoi angoli più nascosti e caratteristici, seguendo il fil-rouge della memoria e della suggestione spirituale, pagana e religiosa”. Il ciclo di manifestazioni con le quali si vuol riscoprire la figura di questa scrittrice vissuta a cavallo fra il XIX e il XX secolo venne presentato a Talla il 23 marzo scorso nell’ambito delle iniziative promosse in occasione della festa della Donna.

Poppi, 17 aprile 2018.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

Veneri e Dini (Fdi): ” Il Casentino in ginocchio per i cantieri sulla Sr 71″

Presentata una interrogazione urgente alla Giunta Regionale  Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Gabriele Veneri ha presentato una interrogazione urgente alla Giunta Regionale sulla situazione...

Una nuova proposta: Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi o delle Foreste Sacre?

Ufficio stampa Tasto 89 Oggi 18 luglio prosegue il percorso di alternanza scuola-lavoro in collaborazione con Naturalmente Pianoforte. I ragazzi coinvolti hanno avuto il piacere di...

Il PD di Bibbiena sui disagi della viabilità di fondo valle

Tre grossi cantieri infrastrutturali, disagi per i cittadini, imprese e turisti Tutto questo è sicuramente il sintomo, per fortuna, di una grande trasformazione, ma al...