“Le mani che piantano non muoiono mai”, recita un antico proverbio africano…Erano piccole le mani che hanno messo a dimora circa trenta nuove piante nello storico arboreto (il più antico d’Italia) “Carlo Siemoni” di Badia Prataglia. Piccole mani pulite, nonostante la terra umida che alla fine le ricopriva. Piccole mani che per l’arboreto hanno scritto e disegnato. Erano le mani dei ragazzi della Scuola de La Badia. Il 27 Aprile abbiamo festeggiato con i Carabinieri Forestali una delle Giornate Dell’Albero, una per noi davvero speciale. Dopo il saluto del Maggiore Paola Ciampelli e del Sindaco di Poppi Carlo Toni, che hanno evidenziato il valore delle foreste e l’importanza della loro tutela, i nostri ragazzi della Secondaria hanno presentato la cartoguida interattiva dell’Arboreto, che hanno donato ai Carabinieri Forestali e che parteciperà al Concorso Nazionale “Il Mondo con gli occhi di un albero”. Un piccolo prodotto multimediale, ricco di disegni, di storie (e di spirito badiano…), rivolto a ragazzi e bambini, per aiutarli a guardare con occhi diversi i maestosi e silenziosi custodi della foresta. Dopo il buffet offerto dai Carabinieri, gli studenti della Primaria e della Secondaria di Badia hanno piantato nuove essenze, che andranno ad arricchire l’Arboreto. Ci siamo sporcati le mani e le scarpe, ma il fango si lava facilmente. Quelle che resteranno indelebili sono le emozioni, e l’orgoglio di poter dire in futuro “Quell’albero, vedi, quello là… l’ho piantato io!”
Quello tra la nostra scuola e i Carabinieri Forestali è un sodalizio bellissimo, il cui collante è l’amore, il rispetto per la natura, il legame fortissimo con una terra e una foresta meravigliosa.

Comunicato stampa
Poppi, 27 aprile 2019