Ho imparato ad amare me stesso – Il Diario del Fazzi –

Foto di Samuela Ristori

Ho imparato che il tempo è prezioso, ma più prezioso del tempo è l’amore. Ho imparato quanto importante sia tenere lontano l’odio e la rabbia e quanto bene faccia metterlo in pratica, il rancore? Quello lo lascio agli altri.
Ho imparato che l’unico giorno dell’anno in cui puoi fare qualcosa non è ieri e nemmeno domani, ma solo oggi.
Ho imparato a dire no alle cose che non mi fanno stare bene e a stare in silenzio quando non puoi farci niente.
Ho imparato che un abbraccio vale più di mille parole, ma con una sola parola puoi salvare una vita.
Ho imparato che non sono sempre io il padrone del mio destino, ma sono solo io il capitano della mia anima.
Ho imparato che posso imparare da tutti, ma non tutti possono imparare da me.
Ho imparato a dare da mangiare ogni giorno alle cose belle e ad affamare le cose brutte fino a farle morire.
Proprio così, alla fine ho imparato ad amare me stesso e attraverso me stesso ho imparato ad amare tutto il resto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteControlli dei Carabinieri: nei guai guidatori in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti
Prossimo articoloMostra del libro: cominciano le iniziative online
Fabrizio Piantini
Laureato in Economia Commercio nella Facoltà di Firenze nel 1999, dal 2000 ho intrapreso la professione di Consulente Finanziario per Banca Mediolanum. La mia attività lavorativa è stata ed è una vera e propria Scuola di Vita che mi ha permesso di sviluppare i miei talenti e dedicarmi nel tempo a numerose passioni. Sono un esploratore mai domo della vita in tutte le sue forme, mi sono dedicato alla conoscenza dei vini diventando Sommelier, sulla soglia dei quarant’anni mi sono innamorato della corsa fino a cimentarmi in due maratone. Amante degli animali, oggi ho un piccolo Jack Russel, il gatto Stella e il mio cavallo Romeo. Ho sempre amato scrivere poesie e racconti per esigenza dell’anima e per esprimere tutte le mie emozioni che vivo al massimo, sennò, come dice il mio cantante preferito loro mi fanno fuori. Ah, dimenticavo, dall’8 marzo 2019 (non a caso la festa della Donna), ho perso una gamba, non è stato un dramma, in fondo come dico : è solo una gamba.