Ho vaccinato mio figlio di 7 anni: al Corsalone il personale è fantastico!

Non scrivo queste poche righe per convincere qualche genitore scettico a vaccinare il proprio figlio, non spetta certo a me farlo. Io e mia moglie, però, l’abbiamo fatto in maniera convinta e siamo contenti della scelta fatta. Ci siamo informati: abbiamo letto i dati confortanti sui vaccini fatti nel resto del mondo, abbiamo ascoltato gli interventi di illustri pediatri e ci siamo confrontati con alcuni amici medici. Tutti ci hanno consigliato di farlo e venerdì 17 dicembre ho accompagnato mio figlio all’hub vaccinale del Corsalone. Ed eccomi al motivo di queste mie poche righe: al Corsalone abbiamo ricevuto un’accoglienza a dir poco fantastica. Già all’ingresso, mentre io riempivo alcuni moduli, i volontari presenti – gentilissimi – si sono presi cura di mio figlio, facendogli domande, complimenti, scherzandoci e distraendolo. Io con un occhio compilavo i moduli e con le orecchie ascoltavo la loro conversazione. Mio figlio si è sentito subito a suo agio, al centro dell’attenzione ed era tranquillissimo. Quindi siamo passati al consulto con i medici, anche loro gentilissimi e molto disponibili a dare qualsiasi informazione, e infine dagli infermieri preposti alla vaccinazione. Lì abbiamo trovato due giovani infermieri, Francesco Giovannelli e Irene Trenti, che sono stati eccezionali: professionali, gentili e simpaticissimi. Hanno scherzato con mio figlio, l’hanno distratto, si sono fatti raccontare di tutto e di più (e mio figlio non si fa certo pregare quando c’è da parlare) e, in sostanza, l’hanno messo così a suo agio che si è anche divertito e non ha sentito nessun dolore. Alla fine, dopo aver aspettato 15 minuti in sala di attesa e aver ricevuto, da un’altra gentile volontaria, un diplomino della Pimpa con il promemoria della seconda dose e la promessa di un regalino, si è voluto fare una foto con Francesco e Irene, i due giovani infermieri, che l’avevano conquistato. Quindi i miei più sinceri complimenti all’organizzazione dell’Hub vaccinale e un plauso a tutto il personale perché quella che all’inizio era una giornata un po’ particolare è diventata un’esperienza divertente che ha fatto sentire mio figlio importante, coraggioso e che ha raccontato a tutti per giorni.

P.S. Ieri, 7 gennaio, abbiamo fatto la seconda dose ed è andato tutto bene come per la prima. Abbiamo ricevuto la medesima accoglienza, lo stesso calore e Umberto, mio figlio, si è congedato così: “Ciao a tutti, ci si vede per la terza!”

Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma scrive a Ponte a Poppi, in Casentino, dove vive. Direttore del periodico Casentinopiù dal 2013, è anche “scrittore”, giornalista, tabaccaio, “ciclista” e “tennista”: quasi tutto rigorosamente tra virgolette.

Ultimi Articoli

20 anni di Ecomuseo del Casentino: oggi a Raggiolo l’evento per ricordare i progetti realizzati e le prospettive future

In occasione dei 20 anni dell’Ecomuseo del Casentino, oggi mercoledì 10 agosto presso l’Ecomuseo di Raggiolo è in programma un evento per ricordare i principali progetti...

Subbiano, Consiglio Comunale: importanti deliberazioni

L’ultimo consiglio comunale prima delle vacanze estive ha lasciato un' importante impronta per la vita della comunità. Tra le questioni più rilevanti approvate nella seduta...

Un pensiero ogni tanto: “Se la poesia viene accarezzata da un bimbo”

Se la poesia viene accarezzata da un bimbo   Immaginate un paese di sera, un paese montano, di quelli dove il vento spiffera forte. Immaginate un palco...