I ricordi della Grande Guerra nella rassegna “Il Crinale” a Raggiolo

Samuele Boncompagni

Nel 1917 un gruppo di diciottenni di Raggiolo andò al fronte per combattere la prima guerra mondiale. A distanza di cent’anni, il loro ricordo rivive nello spettacolo “La grande guerra – I ragazzi del ’99” che sarà presentato per la prima volta in assoluto mercoledì 16 agosto in apertura della terza edizione della rassegna “Il crinale – Parole come pietre”. L’appuntamento, ad ingresso gratuito e promosso dall’associazione culturale Noidellescarpediverse, è in programma alle 21.00 al sepolcreto di Raggiolo, con l’obiettivo di offrire una serata intima e suggestiva capace di utilizzare il teatro per valorizzare la bellezza dei vicoli e degli scorci del borgo casentinese.
“La grande guerra – I ragazzi del ’99”, scritto e interpretato da Samuele Boncompagni con il sostegno della Brigata di Raggiolo e dell’EcoMuseo della Castagna, si pone in scia allo spettacolo “Di che reggimento siete, fratelli?” che fu messo in scena a Raggiolo nell’estate del 2015, presentando i ricordi e gli oggetti di chi aveva combattuto sul fronte italiano. In quell’occasione furono coinvolti gli stessi spettatori, chiedendo loro di ricercare lettere, fotografie e cimeli relativi alla prima guerra mondiale; questa raccolta ha permesso di riunire numerose testimonianze dell’epoca e, tra queste, sono spiccate quelle dei ragazzi del 1899 che, appena compiuti i diciotto anni, furono gli ultimi chiamati alle armi. Il frutto di tale ricerca è stato reso in forma teatrale ed è diventato un vero e proprio spettacolo dove Boncompagni racconterà la guerra vissuta dai raggiolatti partendo proprio dagli scambi epistolari tra loro e il paese, illustrando una vita al fronte da cui emergono speranze, paure e affetti. Non mancherà nemmeno la lettura di alcune testimonianze e lettere tratte dalla biografia della prima guerra mondiale per dare al reading un più amplio taglio nazionale.

A rendere ancor più forte l’impatto storico ed emotivo contribuiranno le proiezioni di foto e documenti che scorreranno sullo sfondo, mentre lo spettacolo sarà arricchito dalle musiche che si uniranno alle parole e alle immagini. «”La grande guerra – I ragazzi del ’99” – spiega Boncompagni, – porta una preziosa testimonianza storica che pone compimento ad un percorso di ricerca e di approfondimento iniziato due anni fa. Nell’estate del 2015 abbiamo fatto emergere i drammi e le emozioni del fronte, mentre ora conosceremo proprio le parole di chi è partito per la guerra da Raggiolo e di chi era strettamene legato alla nostra terra, soffermandoci sull’ultima annata chiamata alla leva. I ricordi di questi ragazzi, le immagini, la musica e la suggestiva location del sepolcreto di Raggiolo permetteranno di vivere una serata unica nel suo genere».

Raggiolo (Ar), lunedì 14 agosto 2017