I Tesori del Casentino: 2 tavole gemelle di Vasari a Camaldoli e a Tokyo


Gesù nel Getsemani: il soggetto è narrato nei libri del Nuovo Testamento, da Matteo e Luca. Cristo, dopo l’Ultima Cena, conoscendo il tradimento di Giuda, andò nell’orto degli ulivi/Getsemani, accompagnato da tre dei suoi discepoli, Pietro, Giacomo e Giovanni. Lì pregò Dio nella sua sofferenza; un angelo gli diede la forza, mentre i tre discepoli dormivano. L’episodio trova molte suggestive raffigurazioni artistiche: in Casentino presso la cappella dell’infermeria del monastero di Camaldoli, si conserva una tavola realizzata da Giorgio Vasari (Arezzo 1511 – Firenze 1574) ormai sessantenne (in questo 2024 ricorre pertanto il 450 anniversario della morte). Il rapporto che l’artista ebbe con i camaldolesi iniziò nel 1537 quando i monaci decisero di rinnovare la chiesa commissionandogli alcune opere d’arte e si concluse nel 1571 con la tavola citata. I documenti conservati presso l’Archivio del monastero ricordano la data della committenza e la richiesta economica dell’artista che proprio in quello stesso anno realizzò un’opera identica su commissione del vicerè di Napoli Don Pedro Alvarez de Toledo, padre della duchessa Eleonora, consorte di Cosimo I de’ Medici, primo Granduca di Toscana, per farne dono a Filippo II, re di Spagna. Le due tavole “gemelle” furono realizzate nella bottega di Vasari a Firenze ed ebbero sorti completamente diverse. Una trovò la sua collocazione presso la clausura del monastero camaldolese e lì è rimasta fino al 2011 quando in occasione del cinquecentesimo anniversario della nascita di Vasari venne esposta, per la prima volta al pubblico, su indicazione della scrivente che con il Direttore del Museo di Tokyo, organizzò una conferenza a Camaldoli, nelle sale del Museo Dioscesano di Arezzo, l’altra dopo essere passata da antiquari e collezionisti di mezzo mondo è dal 1979 conservata presso il National Museum of Western Art di Tokyo. Due storie completamente diverse per due opere quasi identiche: infatti l’unica differenza riguarda il colore del mantello di Cristo e di San Pietro, l’apostolo raffigurato in primo piano a sinistra; mentre per i monaci camaldolesi Vasari utilizzò il colore bianco, forse più consono alla veste dell’ordine religioso, per l’opera destinata al Re di Spagna, venne scelto l’azzurro di lapislazzulo, pigmento prezioso più dell’oro che arrivava dall’Oriente e in particolare dall’Afghanistan, a Venezia. A tal proposito risultano di grande interesse alcune lettere che in quegli anni Vasari riceveva da Cosimo Bartoli (al servizio dei Medici a Venezia) nelle quali scriveva di aver inviato al pittore pennelli, azzurri oltremarini e occhiali. Una curiosità riguarda la richiesta economica che Vasari fece ai suoi committenti che pagarono per le due tavole, lo stesso prezzo! La scena ambientata in notturno si sviluppa verticalmente e presenta i tre apostoli dormienti in primo piano mentre trova il suo punto focale nella figura di Cristo inginocchiato, di profilo, con le braccia aperte in segno di accettazione del proprio destino che sta per compiersi. Delineandone le fattezze di profilo, il pittore coglie più l’aspetto interiore che quello esteriore giocato sull’espressione del volto sofferente di Gesù, e riesce pertanto a renderci un’immagine in cui il dramma è tutto interiore. La difficoltà di rendere in pittura questo momento di sofferenza umana del Salvatore, è testimoniato da alcuni disegni preparatori nei quali Vasari ha studiato varie posizioni delle braccia di Gesù prima di giungere alla scelta definitiva. Sulla sinistra sono raffigurati i soldati che con Giuda stanno arrivando per arrestare Cristo. L’attesa della cattura da parte dei romani al seguito di Giuda, giunti a notte fonda per arrestarlo, è ambientata di notte e trova più fonti luminose: quelle naturali come la presenza delle torce dei soldati che emergono dall’oscurità e la luna piena, mentre la fonte di luce divina emana dall’angelo che reca il calice che simboleggia l’Eucarestia che Cristo ha istituito durante l’Ultima Cena. Opere straordinarie eseguite, in stile manierista, da Vasari a pochi anni dalla morte quando la sua posizione era ormai legata a grande fama, posizione che può essere riassunta in questo discorso che egli fece ai suoi ex colleghi e insegnanti:” Una volta ero povero come tutti voi, ma ora ho tremila scudi o più. Tu mi consideravi goffo (come pittore) ma i frati e i preti mi considerano un abile maestro. Una volta ti ho servito e ora ho il mio servitore che si prende cura del mio cavallo. Indossavo quegli stracci indossati dai poveri pittori e ora sono vestito di velluto. Prima camminavo e ora vado a cavallo”.

Gesù nel Getsemani – La tavola di Vasari conservata presso il National Museum of Western Art di Tokyo

Alberta Piroci Branciaroli
Alberta Piroci Branciaroli
Laureata in Lettere e Filosofia con indirizzo in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Firenze e specializzata in Arte Medievale e Moderna (corso post-laurea) presso lo stesso ateneo, docente di Lettere negli Istituti Secondari di primo grado, ha collaborato con la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Arezzo per la catalogazione dei beni mobili del territorio provinciale. Vive e lavora in Casentino, collabora con il Centro Creativo Casentino e con il Parco Letterario Emma Perodi e foreste casentinesi. Collabora con la rivista online Park Time dei Parchi Letterari. Numerose sono le pubblicazioni: La Verna. Guida al sacro monte. (Collana curata dal Prof. Brilli. Le guide del viaggiatore raffinato) Ed.Edimond, Città di Castello, 2000 Arte e Architettura religiosa del Seicento. La decorazione barocca della chiesa dell’Eremo di Camaldoli, in “Il Seicento in Casentino”, catalogo mostra, Castello di Poppi, Ed. Polistampa, 2001 Temi iconografici legati alla devozione, loro diffusione nelle pitture del territorio casentinese, in “Il Seicento in Casentino” Catalogo Mostra, Castello di Poppi, Ed. Polistampa, 2001 Da Mercurio a San Michele: un percorso iconologico, in Intersezioni, Rivista Ed. Il Mulino, vol. XXII, 2002 Il polittico della Misericordia, in Piero della Francesca. Il Museo civico di Sansepolcro. Silvana editoriale,2002 Camaldoli, il monastero, l’eremo, la foresta. “Guide del viaggiatore raffinato. Edimond, Città di castello,2003 La città immaginata. Aretium, Ed. Edimond, Città di Castello, 2005 Le collezioni artistiche, in Tesori in prestito. Il Museo della Verna e le sue raccolte, Ed. Industria Grafica Valdarnese, San Giovanni Valdarno, 2010 Curatrice della mostra e del catalogo “Nel segno di Leonardo” La tavola Doria dagli Uffizi al Castello di Poppi. Ed. Polistampa, 2018 Approfondimenti didattici nella pubblicazione di Paola Benadusi “Fiabe magiche per grandi e bambini, Tau Ed. 2019 La valle dei racconti. In Casentino con Emma Perodi, Paolo Ciampi e Alberta Piroci, Aska ed. 2019 Alberta Piroci Branciaroli, San Francesco messaggero di pace, Ed. Helicon 2020 Curatrice della mostra NEL SEGNO DI DANTE. IL CASENTINO NELLA COMMEDIA, Ed. Polistampa 2021 Commenti storico-geografici nella pubblicazione di Paola Benadusi, Sette Fiabe gotiche, Tau Ed. 2021 Con Emma e Dante in Casentino, pubblicazione tramite sito online Bonconte ultimo atto, alla confluenza dell’Archiano con l’Arno, Ed. Mazzafirra, 2021 Curatrice della mostra e del catalogo: Nel segno della vita: Donne e Madonne al tempo dell’attesa. Ed. Polistampa, 2022

Ultimi Articoli

Oscar Farinetti in Casentino per presentare il suo libro

Comunicato stampa dell'Associazione Obiettivo Comune Soci (AR) - L’associazione Obiettivo Comune ha invitato in Casentino, a Soci, l’imprenditore fondatore di Eataly Oscar Farinetti che ha...

Lavori in corso nella squadra del candidato a Sindaco di Chiusi della Verna Claudio Loddi

Comunicato stampa della "Lista Civica Chiusi della Verna con Claudio Loddi Sindaco" Per chi ancora non lo conoscesse questo fa di mestiere Claudio Loddi, costruire,...

Acciai risponde a Lorenzoni su quanto fatto dal Comune di Poppi in ambito turistico

La risposta del vicesindaco di Poppi Riccardo Acciai al candidato a sindaco per la lista "Costruire il Futuro" Federico Lorenzoni Poppi (AR) - In risposta...