Il Casentino a Terra Madre Salone del Gusto

Il Casentino, grazie all’Unione dei Comuni Montani del Casentino e al Parco delle Foreste Casentinesi, ha partecipato alla 14esima edizione di Terra Madre Salone del Gusto, la più importante manifestazione internazionale dedicata al cibo buono, pulito e giusto e a chi lo produce, che si è svolta dal 22 al 26 settembre 2022 a Torino.

All’evento erano presenti centinaia gli espositori arrivati da ogni parte d’Italia e dall’estero, oltre 3 mila delegati da 150 Paesi e migliaia di visitatori, buyer ed esperti, giovani e attivisti Slow Food.

La vallata casentinese ha partecipato all’interno dello spazio Slow Food Toscana. Alcuni produttori, con loro le eccellenze agro-alimentari del territorio della prima Valle dell’Arno, hanno presiediato alcuni stands sotto lo slogan “Reti di comunità, energie, territori”. Uno specifico momento è stato riservato alla presentazione del progetto FESTASAGGIA, promosso congiuntamente da alcuni anni da Parco Nazionale e Unione dei Comuni nell’ambito delle attività dell’Ecomuseo.

“La presenza dei produttori casentinesi ad un evento di rilievo come Terra Madre e la presentazione durante la manifestazione del progetto di Festasaggia, hanno acceso i riflettori sulle eccellenze del territorio e sul settore agroalimentare in generale che in Casentino svolge un ruolo centrale per lo sviluppo dell’economia. E’ stata un’occasione importante che ci ha visti protagonisti e che contribuirà sicuramente a far crescere la nostra immagine” ha dichiarato la presidente dell’Unione dei Comuni Eleonora Ducci.

“I parchi nazionali nascono in Italia, Paese con una storia antichissima e densamente popolato, su presupposti diversi di quelli dei “nuovi mondi”, segnati dalla wilderness, Yellowstone in primis. Questa area protetta, baricentrica rispetto a città di arte e cultura come Firenze, Ravenna, Roma e Arezzo, si compone delle “tracce” lasciate da coloro che l’hanno vissuta e attraversata. La nostra partecipazione a Terra madre è un riconoscimento doveroso all’ingegno, all’operosità e alla creatività delle donne e degli uomini che, immersi nella dimensione naturale delle Foreste casentinesi, ne hanno plasmato in modo inconfondibile quella culturale” ha dichiarato il presidente del Parco Luca Santini.

 

Ultimi Articoli

Torna la Lira di Bibbiena: l’amministrazione in aiuto di chi ha più bisogno

L'amministrazione bibbienese in aiuto delle famiglie più fragili delle attività commerciali del territorio. È aperto il bando per cittadini e attività. Le attività che hanno già...

Aruba inaugura a Ponte San Pietro: il saluto del sindaco Vagnoli

Il Sindaco di Bibbiena ha portato un saluto alla famiglia Cecconi proprietari di Aruba, che oggi, ha inaugurato la struttura global cloud data center...

“In cammino con tre santi, un beato e un poeta”: il libro di Ferrini alla Fondazione Baracchi

Incontro con Alessandro Ferrini alla Fondazione Baracchi Domenica 4 dicembre ore 16.30 Passeggiare in Casentino in compagnia di tre santi, un beato e un poeta, il...