Il Festival dei cammini di San Francesco a Chiusi della Verna

Si è svolto sabato 7 ottobre, nell’auditorium di Chiusi della Verna, l’incontro dal titolo “In cammino per la pace”. Una conferenza volta alla condivisione e conoscenza delle opere di bene di San Francesco e Gino Bartali, due uomini della pace molto distanti culturalmente e temporalmente, ma che perseguirono un obiettivo comune. Il week end è proseguito poi, domenica, con la relazione “Il territorio di Chiusi della Verna come centro nodale di Itinerari e Cammini” sempre nell’auditorium del piccolo borgo. In più, nelle due giornate a Chiusi della Verna sono state anche organizzate delle escursioni lungo i cammini che portano al Sacro Eremo. Il Cammino di San Francesco con gli amici del CAI è partito da Pieve Santo Stefano domenica alle 9,30; nel percorso Pieve – La Verna sono stati attraversati i paesi di Mignano, Montalone e Compito. In quest’ultima località, al confine tra il Casentino e la Valtiberina, gli escursionisti hanno potuto attraversare il paese nel quale si scorgono già gli alberi ingialliti dell’autunno e vedere la piccola chiesa di San Francesco a lato della quale si trova la fonte. Secondo la leggenda, che qui coincide con la storia, in questo luogo il poverello d’Assisi, di ritorno dall’Umbria e diretto alla Verna, incontrando un anziano assetato, avrebbe appoggiato il suo bastone alla roccia facendo scaturire l’acqua. A ricordo della prodigiosa opera, sopra la piccola fonte troviamo un marmo nel quale è scolpita la frase: “Questa fonte la fece scaturire San Franciesco l’anno 1212”; dopo circa un’ora di camminata dal paese di Compito i pellegrini sono giunti al Santuario.

Un fine settimana casentinese all’insegna, quindi, di cultura, natura e religione.