Il grande cabaret a Bibbiena

Scritto dai ragazzi di Tasto89 

Flavio Oreglio e Alberto Patrucco: un nuovo modo di intendere l’umorismo.

Flavio Oreglio e Alberto Patrucco giovedì 21 luglio a Bibbiena, presso la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi, si sono esibiti in uno spettacolo di cabaret. Un duo bellissimo e colto, apprezzato anche dai giovani. Hanno deciso di partecipare al festival di Naturalmente Pianoforte con l’obiettivo di portare sollievo alle persone che li ascoltano.

La loro coppia artistica nasce a Milano da una grande passione in comune quella per la scrittura. Da tutto questo è nata anche una grande amicizia. Ci hanno raccontato come la comicità sia cambiata ed evoluta nel tempo in varie forme. Con noi ragazzi sono stati disponibili ed è stato molto piacevole ascoltarli in una breve e divertente dissertazione su comicità, ironia e libertà. Ci hanno raccontato gli anni di cabaret a Milano negli anni Ottanta e la voglia che si aveva di esprimersi anche in forme diverse su temi importanti per la comunità. I due, che si sono ritrovati a Bibbiena in uno spettacolo comune hanno concluso: “Il nostro intento è raccontare una storia e generare da questa una risata liberatoria e non gratificante”.  Questo è ciò che loro intendono con Cabaret.

Per noi giovani una grande opportunità, per Bibbiena un bellissimo momento tra musica e riflessione alta sulla vita.

Ultimi Articoli

Il Metaverso: Bibbiena presenta il futuro

Il 27 agosto prossimo Bibbiena sarà la location di un evento nazionale che ci catapulterà tutti nel futuro prossimo attraverso il metaverso. Il metaverse è...

Jacopo Piantini riconfermato Vice Presidente nazionale di Enelcaccia

“Con grande orgoglio apprendo la notizia che il nostro Assistente scelto della Polizia Municipale di Bibbiena Jacopo Piantini, è stato riconfermato nel ruolo di...

Alta velocità, il Comitato Sava incontra il Gruppo LFI

Domenico Alberti “senza misure straordinarie di rilancio dell'economia e delle infrastrutture sono a rischio molte famiglie e imprese”   Arezzo - Le prime cinquemiladuecentoventidue firme pro Medio...