Sabato 15 giugno alle ore 17:00 le porte del Museo dell’Arte della Lana di Stia si apriranno per inaugurare un’esposizione tutta aretina: “I Mezzi della Memoria in Mostra”, quinta tappa della mostra itinerante ideata dal Prof. Fausto Casi, Curatore Scientifico del MUMEC Museo dei Mezzi di Comunicazione di Arezzo.

Una provocazione, quella lanciata dal Museo aretino, per far riflettere grandi e piccoli visitatori sulla fragilità e sulla dubbia capacità di conservazione dei moderni supporti di cari ricordi. Il curatore della mostra pone, con l’esposizione, il visitatore davanti a un punto di vista critico nei confronti della durevolezza dei supporti della nostra memoria. Una domanda a cui in pochi sanno dar risposte neanche troppo rassicuranti. Un’esposizione che porta il visitatore a riflettere, quindi, attorno a questa importante domanda con un excursus storico che indaga a fondo i diversi mondi dell’immagine, della scrittura e del suono; tre diverse tematiche, da sempre, in continua evoluzione.

La mostra, visto l’alto valore didattico, è stata scelta per esser esposta in vari punti della Regione Toscana fra cui il MUMEC stesso, il Comune di Foiano della Chiana, Monte San Savino e il Palazzo del Consiglio Regionale della Toscana a Firenze.
All’inaugurazione di sabato prenderà parte il Direttore del Museo dell’arte della lana di Stia – Dott. Andrea Gori, la Direttrice del MUMEC Museo dei mezzi di comunicazione di Arezzo – Dott.ssa Valentina Casi e il curatore della mostra – Prof. Fausto Casi.
La mostra rimarrà esposta al Museo dell’Arte della Lana fino al 15 settembre.

Comunicato stampa
Museo dell’arte della lana
Pratovecchio Stia, 12 giugno 2019