Il museo archeologico al buio per un’esperienza sensoriale unica

LE NOTTI DELL’ARCHEOLOGIA CON BIRBIENA: IL MUSEO AL BUIO COME ESPRIENZA SENSORIALE UNICA

Tornano anche per quest’anno le Notti dell’Archeologia con due iniziative promosse dal Museo Archeologico del Casentino il prossimo fine settimana in concomitanza con Birbiena 2019.

Si inizierà venerdì 12, dalle ore 21.00, con “Museo al buio“, una particolare visita guidata sensoriale alle collezioni per grandi e piccini che permetterà di conoscere il museo e la nostra storia attraverso il tatto e l’udito. Le visite, curate da Valentina Lattari in collaborazione con Oros Toscana, avranno la durata di circa 30 minuti e saranno effettuate per piccoli gruppi.

Sabato 13 poi, alle 17.30 presso il sagrato della pieve di S. Ippolito a due passi dagli stand di Birbiena, i più piccoli, indossati i caschetti e impugnate le palette, potranno diventare archeologi per un giorno partecipando al laboratorio di scavo simulato a cura del personale del Museo.

Entrambe le iniziative sono a partecipazione gratuita ed è consigliata la prenotazione allo 0575-595486 o scrivendo a info@arcamuseocasentino.it
. In caso di pioggia il laboratorio avrà luogo al Museo nello stesso orario.

L’Assessora Francesca Nassini commenta: “Anche quest’anno il nostro Museo non è voluto mancare a questo importante appuntamento che coinvolte le strutture museali di tutta la Regione. Sono particolarmente soddisfatta dell’attivià di questa antenna del territorio, per qullo che offre e per come sta lavorado anche come punto di riferimento turistico della vallata”.

Dal 1 al 31 luglio tornano le Notti dell’archeologia, un appuntamento molto atteso da un vasto pubblico di appassionati e non solo:  aperture straordinarie serali e notturne, eventi dedicati nei musei, aree e parchi archeologici della Toscana.

Questa diciottesima edizione ha come filo conduttore “Eroi e miti dell’antichità”, la figura dell’eroe che incarna i valori fondanti di una cultura e ne rappresentano l’ideale di comportamento, nella testimonianza delle virtù più significative e simboliche, popolando così le rappresentazioni delle culture dell’antichità nell’arte, nella letteratura, nel teatro, nella religione, nella vita civile e quotidiana.