In Viaggio, speciale “Festival dei Cammini 2018”

#SpecialeFestivalDeiCammini2018

Dal 28 al 30 Settembre 2018 il Comune di Chiusi della Verna, ospita la terza edizione del Festival dei Cammini. Momenti di riflessione, di osservazione, di contatto, di incontro, di confronto. Percezioni. Contaminazioni culturali, approfondimenti di bellezza e di arte per la kermesse casentinese, che unica nel suo genere, nel panorama casentinese, sceglie di declinare quest’anno il tema del Viaggio. 

Il Viaggio. Questo il leitmotiv  in questa terza edizione del Festival dei Cammini 2018. Dal viaggio, particolarissimo, intenso ed emozionale, di un’ insolita visita a lume di candela ai capolavori dei Della Robbia (in una eccezionale apertura notturna del Santuario della Verna), alle storie straordinarie di  viaggiatori  da e per il Casentino, che per secoli hanno solcato le vie interne della vallata. Uomini e merci che hanno calpestato, vissuto, annusato questa terra, attraverso le sue matrici storiche di collegamento. Testimonianze, cronache di viaggio, viaggi di conoscenza, ma anche il racconto intimo e personale del  viaggio come momento di introspezione profonda, come strumento essenziale per riconnettersi con se stessi. E per riprendersi il proprio tempo.   

E poi un Viaggio a ritroso nel tempo, nel patrimonio dei ricordi intimi e commossi di chi ha toccato con mano la presenza di Francesco, attraverso la custodia della Sua veste. E di chi si invece è messo in cammino, a sua volta, alla scoperta dei sentieri materiali e immateriali della spiritualità, della devozione, della testimonianza. E il viaggio di ritorno, i percorsi a volte tortuosi che compie un’opera d’arte, prima di tornare a casa.

Ma questa rassegna vuole anche parlare al Viaggiatore di oggi. 

A questo viandante del terzo Millennio, che, zaino in spalla, si mette in cammino in cerca di qualcosa che, a quanto pare non trova nel quotidiano. E vuole anche rendere conto di un percorso in particolare. Quello del  Cammino di Francesco. Del lungo viaggio intrapreso da circa due anni da parte di Enti, Istituzioni, Associazioni, con il Comune di Chiusi della Verna in prima fila, allo scopo di raccontare una storia. Una storia che parla di attenzione, di tutela, di riscoperta, di manutenzione, di cura. E che oggi, grazie anche all’opportunità di progettualità condivise, permette di scrivere una nuova importante pagina in direzione della sua valorizzazione.

E per dirla con il Sindaco di Chiusi della Verna, Giampaolo Tellini, impegnato in queste ore a 360° nell’organizzazione di questo Festival:

Noi crediamo che i dettagli siano importanti. E la cura che ciascuno mette nel fare le cose. Le nostre piccole realtà hanno tante storie da raccontare non solo legate al passato ma soprattutto rivolte al presente e al futuro. E per la terra di Francesco, che aveva scelto l’infinitamente piccolo e l’essenziale, pensiamo sia un dovere essere qui, in prima fila, a ricordare che chi fa questo tipo di esperienza, chi si mette in cammino, misurandosi con la fatica del viaggio e con la capacità di osservare il dettaglio, scoprirà un modo tutto nuovo di affrontare la vita. E ne riceverà una spinta importante per affrontare il futuro(segue programma del Festival)

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteTornano i “Colloqui di Raggiolo”: si inizia con la lavorazione della lana
Prossimo articoloBibbiena, incontro con i commercianti del Centro Storico: ecco le risposte dell’amministrazione
Roberta Fabbrini
Roberta Fabbrini, nata a Bibbiena (AR), (ma cresciuta a Cetica ndr) vive e lavora in Casentino, dove fin dal 1996 svolge la libera professione di Architetto. Appassionata di Arte, Architettura e Paesaggio, e di Recupero del patrimonio storico, collabora stabilmente con Casentinopiù fin dal 2010, tenendo una sua rubrica dal titolo Architettura & dintorni. Appassionata verso tutto ciò che riguarda il Casentino e i casentinesi , scrittrice sempre per passione, si è scoperta da poco tempo anche amante dell'escursionismo naturalistico e del trekking. E della buona tavola. Ma questo da sempre. Tutti settori che rendono il Casentino la sua terra ideale.