La casentinese Elisa Liguri eletta “Sportiva dell’anno”

Elisa Liguri con i maestri Filippo Oretti e Luca Boldrini

È Elisa Liguri la “sportiva dell’anno” 2019 e la più giovane vincitrice di sempre del sondaggio proposto dal quotidiano La Nazione, eletta dal voto popolare tra i 12 candidati aretini, tra cui figuravano nomi di spicco internazionale come Maurizio Sarri che è stato lo sportivo scelto dalla redazione. “Per questo riconoscimento – racconta Elisa – ho ricevuto tanti complimenti da molte persone che magari non conoscevo nemmeno e questo mi ha fatto molto piacere. Non mi aspettavo di vincere tra tanti big dello sport, è stata proprio una sorpresa per tutti”. Titolo d’Italia nei cadetti (tra i -80kg) e bronzo ai campionati italiani juniores (ossia la categoria superiore alla sua naturale) nel 2019, Elisa fa karate da 11 anni e si allena cinque volte a settimana, tra Rassina e Bibbiena, insieme a Luca Boldrini e Filippo Oretti dell’Accademia Karate Casentino. Sono proprio i due pilastri dell’associazione sportiva a ringraziare tutti per “il supporto, il sostegno e la passione investita per questa piccola società che sta diventando una grande realtà”. “Mi affido molto ai consigli di Filippo, detto “Pippo” – spiega Elisa – per questo risultato non posso che ringraziare i miei allenatori che hanno sempre creduto in me e le persone che votandomi mi hanno dimostrato la loro fiducia”.

Nata il 28 luglio 2004, Elisa frequenta il secondo anno del Liceo Scienze Umane a Poppi e vive a Rassina con il fratellino Francesco, di 5 anni, e i genitori Paolo e Serena, molto conosciuti in paese perché titolari del Bar Paolino in piazza Mazzini. “Ho iniziato karate proprio grazie ai miei genitori – confessa Elisa – perché da bambina ero molto agitata, così i miei hanno deciso di farmi praticare questo sport e da allora non ho più smesso. Anche mio fratello ha iniziato karate e spero che questo sport riservi anche a lui tante soddisfazioni”.

Tra i suoi obiettivi per il futuro, quello di mantenere un livello costante di prestazioni e medaglie, in particolare di far bene nel Campionato italiano juniores in programma a fine febbraio a Ostia. “Vincere il titolo italiano lo scorso anno è stato il coronamento di un percorso difficile, quindi la soddisfazione è stata davvero tanta” – conclude entusiasta Elisa.

Complimenti anche da tutta la redazione di Casentino Più!

CONDIVIDI
Articolo precedenteI paesi del Casentino secondo il Marioni
Prossimo articoloArrestato a Strada in Casentino un ricercato
Valentina Giovannini
Nata nel 1981 a Bibbiena, dove ha vissuto fino al 2012, prima di andare a vivere con il marito nella campagna casentinese, nel Comune di Castel Focognano. Nel 2015 è nata sua figlia Dalia. Dal 2007 è iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti - elenco pubblicisti. Dal 2004 al 2008 ha collaborato con il mensile Casentino 2000, dal 2008 al 2012 è stata la corrispondente del Corriere di Arezzo per Bibbiena ed i Comuni del centro e basso Casentino. Collabora con Casentino Più dal 2014. E' anche addetta stampa del Gruppo Sabandieratori e Musici Città di Bibbiena, del Carnevale Storico di Bibbiena e dell'associazione "Mauro Grifoni Forever" del Corsalone (Chiusi della Verna). Nel 2009 si laurea in Studi linguistici e culturali (inglese, spagnolo e francese) presso l'Università di Siena. Per l'a.a. 2004/2005 vince una borsa di studio del MIUR e lavora come assistente di lingua italiana a Madrid. Nel 2006, a cavallo tra la laurea triennale e la magistrale, segue un Master in traduzione tecnico-scientifica a Torino, poi nel 2010 un Master in Comunicazione Pubblica e Politica presso l'Università di Pisa. Dal 2006 al 2008 lavora prima nell'ufficio commerciale import-export di Tacconi Sport, poi nell'amministrazione di CEG, finché nel 2008 entra nell'amministrazione provinciale di Arezzo tramite concorso. Dal Servizio Finanze e Bilancio passa al Servizio Promozione, con mansioni legate alla valorizzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio e delle fattorie didattiche, nonché relativa organizzazione di eventi e comunicazione. In tale periodo è tra i redattori del mensile della Provincia di Arezzo e del portale arezzo.intoscana.it. Passa nel 2013 al Servizio che si occupa delle aree protette della provincia di Arezzo e nel 2016, a seguito del trasferimento di funzioni alla Regione Toscana, al Settore Tutela della Natura e del Mare della stessa, per il quale è referente della comunicazione e relativo redattore diffuso del sito istituzionale.