La Mille Miglia torna rilanciando l’aretino

Foto di Thomas S. W. Frosch da Pixabay

La corsa più bella del mondo sta per fare tappa nella provincia di Arezzo, per la terza tappa della più importante gara al mondo di regolarità per auto storiche in un momento così speciale e pieno di significato.

Si tratta della 39ª edizione della Mille Miglia in partenza da Brescia il prossimo 16 giugno, per arrivare due giorni più tardi a fare tappa per la prima volta in assoluto a Montevarchi: un evento che riempie d’orgoglio la comunità locale, essendo il ritorno nella provincia di Arezzo dopo solo tre anni dall’ultima volta. 

Una scelta fatta nel ricordo immortale del “Conte volante”, Gastone Brilli Peri, asso della guida di origini valdarnesi che nacque sul finire del 1800 e che vinse anche il prestigioso titolo mondiale per l’automobilismo competitivo nel 1925: un vanto per tutto il comprensorio aretino. Un esponente della storia che si affianca al centenario del Milite Ignoto, per un’edizione che ha dello straordinario per la presenza anche di oltre 100 Ferrari, più di 800 persone degli equipaggi e circa l’80% di auto straniere a comporre questo mix di grande valore promozionale per tutta l’aretino casentinese.

Un’attrattività di lunga data per tutto ciò che ruota intorno alla gara, a partire dai vincitori tedeschi della quinta edizione e della presenza Mercedes e BMW su più podi e oggi anche main sponsor. Un collegamento importante per far conoscere il Casentino e le vallate limitrofe poiché, come spiega il sito Digital Minds: “La promozione on-line dei grandi eventi consente di targettizzare meglio la comunicazione, in questo caso dando precedenza all’audience tedesca (al top in Europa per tempo mensile di visita di siti sul turismo) vincolata da sponsorizzazioni e trascorsi storici. Questo permette di intercettare quel 55% di viaggiatori che prenotano tramite OTA (Online Tourism Agency), con un +5,3% annuo, che sono propensi al turismo esperienziale spesso condizionato dalle testimonianze sui social”.

Le stesse tecniche che accompagnano l’ambito turistico del Casentino presentato alla BIT di Milano per presentare agli operatori professionali ciò che ha da offrire, dal punto di vista naturalistico e storico-culturale. Da non dimenticare anche l’innovazione, che per le Mille Miglia 2021 ne è il tema centrale racchiuso nel motto “Crossing the future” e la partecipazione anche di auto elettriche.

Le novità riguardano anche il tracciato, che rimane come da tradizione da Brescia a Roma e ritorno, ma verrà percorso al contrario: “Sarà antiorario – ha dichiarato durante la presentazione a Palazzo del Podestà il vice presidente del Comitato Operativo Giuseppe Cherubini – e dopo la partenza punteremo su Cremona, Parma per toccare il Tirreno, la Toscana e risalire da Orvieto verso Cortona, Arezzo e, appunto Montevarchi dove transitiamo per la prima volta. Quindi approderemo a Prato e dalla Futa saranno raggiunte Bologna, Modena, Reggio Emilia e Verona, Salò e Brescia”.

Il secondo anno in cui sarà obbligatorio l’uso delle mascherine, ma comunque fa ben sperare per una rapida ripresa dei grandi eventi sportivi importanti non solo per le discipline praticate ma anche per l’indotto economico.