La spinta europea della Fiorentina: come il club toscano è riuscito a compiere questa impresa

La Fiorentina non era data tra le favorite all’inizio di questo Campionato di Serie A, e forse, colpevolmente. Era più facile investigare nelle grazie e nelle disgrazie delle grandi di oggi, dei favoriti che ancora – all’ultima giornata – si stanno giocando l’esito finale.

E già solo questo basterebbe a porre l’accento su come in particolare questa stagione 2021-2022 della massima serie sia stata coinvolgente, spettacolare e ricca di sorprese.

Il cuore viola

Un cuore Italiano. Nel senso che la squadra è stata costruita da questo allenatore, Vincenzo Italiano, arrivato dopo aver ben lavorato con lo Spezia, e aver confermato le sue qualità rendendo i Viola più “squadra” – ma purtroppo per il team, con tutta la fragilità che viene da un’infrastruttura ancora debole, causa tempo. Una stagione, soprattutto in questo campionato così competitivo, è poco. E Italiano (anche se nato a Karlsruhe, in Germania), ne ha avuto davvero poco per costruire una squadra.

Ben pochi a inizio stagione avrebbero scommesso sui Viola e il loro allenatore – anzi, nessuno. Nei pronostici per lo scudetto dei maggiori bookmakers, come per esempio NetBet scommesse sportive, a inizio campionato la Fiorentina non era neanche considerata: queste andavano dalla Juve, quotata 2.10, alla seconda, l’Inter a 3.75, mentre il Milan era a 17.00, per arrivare alla Lazio 41.00 e oltre. Di sicuro non ha vinto la serie A, ma se la sta giocando con l’Atalanta (la Dea era data a 7.00) per un posto in Europa, a un’incollatura dalle romane. Insomma: non certo un risultato da buttare via.

I problemi del fine campionato

Se c’è qualcosa che i ragazzi di Italiano hanno saputo fare bene – a parte il bel gioco frizzante dimostrato in occasione di certi exploit contro le grandi, come l’Inter, messa in difficoltà a San Siro, e il Napoli, espugnato in casa – è stato di complicarsi la vita in questa fase finale del torneo.

Il dispiacere di aver sprecato punti preziosi giocando partite scialbe come il 2-1 in casa della Salernitana, o addirittura delle vere e proprie Caporetto, come 4-0 rimediato contro l’Udinese, non è stato nulla di fronte alla goleada rimediata contro la Samp, un 4-1 che pesa ancora di più per essere un match-point sprecato.

Ora, resta un’ultima opportunità, l’incontro con la Juventus – delusa ma in posizione tranquilla – al Franchi. Che è lo scoglio finale per le ambizioni dei Viola e l’ingresso nei campionati europei, con tutto quello che significa in termini di diritti e sponsorizzazioni.

L’incontro di Barone e Italiano

Italiano è stato visto a cena con il GM della squadra, Joe Barone, a cena, intento a discutere i piani della squadra per l’anno futuro. Se De Gregori cantava che un giocatore non può e non deve essere giudicato per come tira un unico rigore, riteniamo che Italiano non possa e non debba essere messo in croce per questo ultimo incontro decisivo, indipendentemente dal risultato.

Quello che ha fatto è stato creare un collante per impostare una squadra, e i risultati di un simile lavoro non si vedono quasi mai nel breve periodo. Ecco perché la squadra dovrebbe andare avanti, e pensare al prossimo anno, dando a Italiano tutte le cartucce di cui ha bisogno per centrare gli obiettivi.

Ultimi Articoli

Casentino: rintracciata l’adolescente scomparsa alcuni giorni fa

Il 25 giugno scorso i carabinieri di Badia Prataglia si sono attivati per le ricerche di una minore, una adolescente che si era allontanata...

Il Ministero dello Sviluppo Economico risponde agli alunni della Primaria di Poppi

“Cari ragazzi, sono il capo segreteria tecnica del Ministro Giorgetti e sono stata felice di aver ricevuto la vostra e-mail che dimostra tutto il...

Gianni Gori: dall’oro a Naturalmente Pianoforte

L’imprenditore aretino che vede nell’alternanza scuola lavoro un importante valore aggiunto. Gianni Gori, presidente di Graziella Group, sostiene Naturalmente Pianoforte attraverso la donazione di un...