L’alluvione del 1966 raccontata in un progetto multimediale

Lo scorso 9 ottobre, all’interno del progetto le “Domeniche di carta” presso la sede della Soprintendenza archivistica e bibliografica per la Toscana a Firenze, è stato presentato dalla Soprintendente Diana Marta Toccafondi e dalle curatrici il prodotto multimediale dal titolo “La memoria nel fango. La Soprintendenza Archivistica per la Toscana e l’alluvione del 1966”. Nella piattaforma ideata e realizzata da Silvia Bianchi e Viola Fioravanti si ripercorre la storia dell’esondazione dell’Arno che colpì Firenze e molte altre località, anche del Casentino, attraversate da questo fiume. Il sito racconta questo tragico ed inaspettato evento attraverso l’ampio utilizzo di materiale fotografico e documentario inedito.

Il prodotto multimediale è ora visibile sul sito della Soprintendenza all’indirizzo: http://www.soprintendenzaarchivisticatoscana.beniculturali.it/alluvione

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteI “Cavallini tricolori” al Castello dei Conti Guidi
Prossimo articoloViolazione dei confini della riserva naturale integrale di Sasso Fratino, tre persone denunciate dal CTA-CFS .
Maria Maddalena Bernacchi
Maria Maddalena Bernacchi, nata a Compito, Chiusi della Verna, vive e lavora tra Compito ed Arezzo. Negli ultimi anni dell’istituto magistrale “Vittoria Colonna” di Arezzo ha collaborato al settimanale “La Voce” ed al quotidiano “La Nazione”. Specializzata in fisiopatologia ha insegnato ad Arezzo per quarant’anni. Quale insegnante tutor di storia per il Provveditorato agli Studi di Arezzo ha tenuto corsi di formazione sulla didattica della storia contemporanea pubblicando “Il campo-profughi di Laterina” e “Dal locale al globale, esperienze per l’insegnamento della storia”. Per la nipote ha scritto e pubblicato “Ninne-nanne, filastrocche, proverbi e… Una nonna si racconta”. Collabora con Casentinopiù dal 2010, tenendo, con la figlia Silvia la rubrica “Storia e Territorio”.